“Non ho rimpianti”: Disobbedienza all’estero – Cosa vale per i greci in Australia e il servizio militare

Sei mesi greci, sei australiani. L’eterno sogno che unisce tanti immigrati nella Terra degli Antipodi.

Tuttavia, per Thomas Kokkoris residente a Sydney, anche se fattori finanziari o di altro tipo lo rendevano possibile, fino a poco tempo fa la strada per quel sogno avrebbe tagliato in qualcos’altro: non aveva mai prestato servizio nell’esercito greco.

Ora, in quanto residente permanente in Australia, da circa un decennio, ha diritto a una domanda differita che gli consente di rimanere in Grecia per un massimo di 6 mesi all’anno.

Ma a partire da ora, i 30 giorni all’anno che ha il diritto di trascorrere lì come straniero disobbediente lo raggiungono con quanto sopra, come ha affermato parlando a “Neos Kosmos”.

Disobbediente all’estero

– Qual è la procedura? Dichiarazione presso il consolato/ambasciata del Paese di residenza (e richiesta di nuovo passaporto) da parte degli interessati – presentazione di richiesta dell’autorità consolare al servizio militare competente – rilascio di certificato di disobbedienza.

– Posso fare un viaggio in Grecia? Sì, ma per un periodo limitato non superiore a 30 giorni all’anno oa 40 giorni durante le elezioni. In casi eccezionali ed esclusivi (come definiti all’articolo 54 della stessa) Legge 3421/2005es. guerra nel paese di residenza) il periodo può essere prorogato fino al compimento di un totale di tre mesi.

– Quali sono le conseguenze della disobbedienza? Sebbene gli stranieri non conformi ricevano un trattamento legale leggermente più leggero rispetto a quelli nazionali, nel loro stesso caso, oltre al termine per la residenza in Grecia, viene concesso un procedimento penale per violazione del codice penale militare e una sanzione amministrativa di € 6.000 .

* Trovi alla fine dell’articolo le informazioni per differire la classificazione dei residenti permanenti all’estero che consentono il soggiorno in Grecia fino a sei mesi all’anno *

“Un mese all’anno va bene. Non mi prendono più i soldi per sedermi.

“Vorrei che potessimo farlo [το εξάμηνο Ελλάδα-Αυστραλία] “con le famiglie a 45-50 anni cresceranno anche le ragazze”, ha detto delle due figlie che hanno con la moglie Mary.

“La vita è molto più facile in Australia con una famiglia”, ha detto Thomas del paese in cui è nato e ha trascorso i primi due anni della sua vita. Nel 2013 ha deciso di dimettersi e oggi risiede stabilmente a Sydney con la moglie Mary, e le loro figlie, Katerina (a sinistra) e Dionysia.

“Se fossi solo, penso che proverei a tirarlo fuori – come una rondine che va dall’estate all’estate. “Ma prendo decisioni basate su una buona famiglia”.

“Il meglio per la famiglia” aveva anche in mente quando ha deciso all’età di 28 anni di immigrare in Australia (sarebbe stata praticamente rimpatriata dopo essere nata lì).

“Sulla carta sono australiana. La mia famiglia se n’è andata quando avevo due anni e ricordo che in Grecia quando ero piccola non sapevo parlare inglese… Quando sono tornato dall’inglese non sapevo niente, fino a ciao come sei ho imparato tutto da zero! Andavo in un ristorante e chiedevo ‘hai bisogno di un bravo ragazzo per le mani di pollo?’ e tutti hanno riso e mi hanno detto ‘questa è una mano di cucina!'”

Grecia – Australia via Italia e aiuti inaspettati in divisa

Era giunto il momento per Thomas di essere chiamato nell’esercito con la prima sospensione della borsa di studio che prese all’età di 18 anni e prorogata fino alla fine.

“A quel tempo ci stavamo pensando in famiglia per l’Australia ed è successo che il mio testimone era già lì e me lo ha messo di più in mente.

La prima figlia di Mary e Thomas, Katerina, aveva solo pochi mesi quando Thomas volò in Australia.
Pochi mesi dopo, una madre e una figlia lo avrebbero seguito con Thomas che si sarebbe trasferito da Melbourne a Sydney per stabilirsi con la famiglia.

“Ho chiesto all’avvocato ‘posso andare’ e lui mi ha detto ‘con passaporto australiano non ci vai?’ Non importa, volerai come un australiano”.

Ma la realtà era diversa all’aeroporto, con Thomas fermato al controllo passaporti a causa di “problemi di reclutamento che emergevano nel sistema”.

Foto ricordo all’aeroporto di Atene prima di partire per l’Australia. Thomas credeva che l’imbarco sull’aereo sarebbe stato inaspettato senza ottenere assicurazioni dagli avvocati consultati.

“Sono entrato in ufficio per controllare il passaporto che mi è stato inviato e ho visto che l’impiegato aveva allertato qualcuno a galloni. Ha fatto un cenno con il dito e ha detto di dirgli che non può volare che vuole volare. E gli ho detto di sedersi giù come fai a parlare così sdegnosamente, il lavoro di famiglia ci sta aspettando, io sono con i bambini.” Mio figlio”, ha risposto, “quando il computer dice che non stai volando, non possiamo lasciarti andare”.

Deluso, Thomas ha allertato la famiglia e ha lasciato l’aeroporto per fumare mentre aspettava la valigia che aveva consegnato per il check-in di nuovo. I voli per l’Australia sopravviveranno solo se Dio interviene.

L’aiuto è finalmente arrivato, paradossalmente, dall’uomo in divisa che lo ha informato del divieto di lasciare il Paese.

Thomas non riuscì quasi a raggiungere l’Australia, poiché il volo iniziale dalla Grecia non ebbe successo.

“Anche il poliziotto era fuori a fumare, anche lui sembra essere accusato. L’ho puntato con il dito al dito e ho detto ‘è lui che non mi lascia volare e vuole rovinarmi la vita. Si è avvicinato e è stato molto compassionevole. Mio figlio, cosa fare? l’ho fatto᾽ mi ha detto questo è il mio lavoro chi segnala al sistema di non lasciarlo andare è colpa tua? Gli ho anche chiesto scusa se gli ho parlato male e poi ho mi sono ricordato che sei mesi fa sono andato in Olanda non è un problema e gliel’ho chiesto”.

La differenza è il documento di viaggio, perché, come sa, il segnale di coscrizione compare solo sul passaporto, non quando si viaggia nell’Unione Europea con un documento di identità della polizia.

“Gli ho chiesto se sono andato in Italia con la carta d’identità e da lì in Australia, me lo hanno permesso. Mi ha detto che non ti giuro niente ma tutto quello che posso dire è quel segnale [στρατολογίας] in Italia non sorprende che tu non sia ancora nell’esercito, perché è solo nel sistema greco. Certo che ti ho detto di andartene.”

Thomas lo ascoltò e non si perse.

Alla fine è volato in Australia attraverso l’Italia, anche se la lotta non si è fermata nemmeno all’aeroporto.

“Dove dovevo volare alle tre e mezza per Dubai, ho finito per volare alle cinque e mezza per l’Italia con la mia carta d’identità, e il giorno dopo da lì via Qatar. In Qatar nel frattempo mi hanno creato problemi all’inizio perché ero volo con passaporto e non ho il timbro della Grecia e non parlo italiano, gli ho parlato di identità, ne hanno discusso un po’, alla fine mi hanno lasciato”.

Ogni ostacolo in questo viaggio ora vive nella sua mente come una storia che vale la pena raccontare.

“Non dimenticherò quando in Italia mi è stato detto per via aerea – perché diversa da quella che avevo ordinato da Atene – che avevo diritto a meno chili in valigia e dovevo pagare 300 euro in più. Ho detto loro era impossibile sono partita per l’Australia con tutto 800 euro. Ho iniziato a rompere le ruote delle valigie, le maniglie per prendere quello che posso dalle cose per dimagrire, non ho niente che non mi serve. “Ancora una volta devo pagare ma almeno meno”, ha ricordato con una risata.

“Inizialmente ho vissuto con il mio testimone a Melbourne. Se non fosse stato per lui sarei tornato in Grecia. Vieni ad aspettarli facilmente ma all’inizio è stato difficile e non riuscivo a trovare un lavoro. Se Avevo più pazienza per trovare la strada per Melbourne”.

Da quando è arrivato in Australia, Thomas non ha mai guardato indietro nonostante le sue difficoltà. Tentò la fortuna a Melbourne e pochi mesi dopo si riunì con la sua famiglia e si stabilì a Sydney.

Gestisce la propria attività da molti anni e la famiglia è completata dalla seconda figlia della coppia, nata in Australia.

“Non mi pento di non essere partito”, ha detto quando gli è stato chiesto dell’esercito.

E il processo per qualificarsi come straniero non conforme è semplice, come spiega.

“Sono stato contattato prima via e-mail al consolato, ho preso un appuntamento e ho dovuto pagare una piccola quota se ricordo bene. Hanno preso tutto, mi hanno dato il foglio e mi hanno detto che ci sarebbero voluti alcuni giorni per aggiornare il sistema.[…] Quando sono andato in Grecia per controllarmi mi hanno detto “hai un problema con l’esercito, puoi stare seduto solo per 30 giorni”. ‘Lo so’ dico loro, non stressarti.

“E mi è stato detto di andare di nuovo in consolato quando avevo 7 anni per essere rimandato come residente permanente all’estero”.

Rinvio della residenza permanente all’estero

– Qual è la procedura? Domanda dell’interessato presso l’ultimo luogo di residenza all’estero (se ne ha più di uno). Per possedere i requisiti per il servizio militare in qualità di residente permanente all’estero, uno dei due requisiti di cui all’articolo 24 Legge 3421/2005,

“a. Hanno la loro sede principale e stabile all’estero da almeno undici anni consecutivi, in uno o più paesi.

b. “Hanno strutture di sussistenza e hanno vissuto all’estero per almeno sette anni consecutivi, in uno o più paesi”.

– Posso fare un viaggio in Grecia? Sì, ma per un periodo limitato non più di sei mesi in ogni anno solare. Il superamento dei sei mesi comporta la perdita dello status di residente permanente all’estero.

– Devo affrontare delle conseguenze se in precedenza sono stato uno straniero non conforme? Con l’ottenimento della residenza permanente all’estero si abolisce il reato di insubordinazione e le sue conseguenze penali.

In differita come residente permanente, il permesso di soggiorno in Grecia è limitato a sei mesi all’anno. Ma l’obbligo di registrazione vale fino al compimento dei 45 anni.

Abbiamo chiesto a Thomas se stava valutando la possibilità di tornare definitivamente in Grecia con la sua famiglia per il momento.

“La vita è molto più facile in Australia con la famiglia. I bambini con poco o molto sforzo possono realizzare i loro sogni, mentre in Grecia hanno fatto ‘usciamo così possiamo sopravvivere oggi’. Non ti lasciano sognare, sviluppare life Sei come immagini, non so se negli ultimi anni è cambiato qualcosa quindi mi sono perso i contatti e parlo della mia esperienza ad Atene, forse la provincia è diversa.

“Non credo [για επαναπατρισμό] Posso dirti che è fantastico, ma non sai mai come andranno le cose. “La vita è eccitante.”

* Le informazioni fornite in merito alla disobbedienza straniera e al differimento della classificazione degli stranieri residenti permanenti si basano sulle leggi pertinenti ma non sono esaustive. Per saperne di più visita la fonte direttamente sul sito stratologia.gr. Contatta il tuo avvocato per chiarimenti sul tuo caso personale e sanzioni amministrative o penali per la disobbedienza.

Marino Esposito

"Guru del cibo. Tipico evangelista dell'alcol. Esperto di musica. Aspirante sostenitore di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.