Novità Euro 2020: l’Italia con Mancini forte come lo è da sempre | notizie di calcio

Il mondo intero guarda la Roma venerdì quando la Nazionale italiana aprirà EURO 2020 contro la Turchia allo Stadio Olimpico. Dopo una lunga stagione secca e turbolenze compreso il ringiovanimento, è prevedibile il ritorno della Squadra Azzurra. Il motivo è chiaro.

Fuori ai preliminari in Sud Africa, fuori ai preliminari in Brasile, non si è nemmeno qualificato nel 2018: dopo la grande vittoria del Mondiale 2006, la Nazionale italiana è scomparsa dal palco per molto tempo, a miglia di distanza dalla nazionale livello superiore. Solo a EURO 2012 la Rosa Azzurra ha convinto, qualificandosi per la finale con Mario Balotelli e soci.

Un traguardo su cui il quattro volte campione del mondo deve basarsi per tornare a giocare per il titolo dopo un lungo periodo di siccità. Ma i giorni del fallimento devono finalmente essere un ricordo del passato: la squadra di coach Roberto Mancini è più affamata e più forte che mai.

L’Italia ora con grandi tette

Nell’ultima prova di resistenza prima della partita di apertura, l’Italia ha sottolineato la sua eccezionale prestazione, spazzando la Repubblica Ceca con un punteggio pieno di 4:0. Gli Azzurri sono ormai imbattuti da 27 partite, vincendo tutte e cinque le partite dell’anno EURO con una differenza reti di 17:0 (!).

La prestazione dell’Italia a EURO 2021

tipo di gioco Avversario Casa/Vai Vincere/Perdere/Pareggiare risultati
Qualificazione ai Mondiali Irlanda del Nord Casa vittoria 2-0
Qualificazione ai Mondiali Bulgaria lontano vittoria 0:2
Qualificazione ai Mondiali Lituania lontano vittoria 0:2
gioco amichevole San Marino Casa vittoria 7-0
gioco amichevole Repubblica Ceca Casa vittoria 4-0

Dopo anni di insuccessi, Tifosi ora desidera ardentemente l’arrivo del grande evento. Anche i giocatori non vedevano l’ora di iniziare: “Mi viene la pelle d’oca pensando all’inno nazionale, anche se la folla sugli spalti sarebbe lì e ci accompagnerebbe”, ha detto il tiratore Manuel Locatelli di dpa citato.

Ma come è nata la nuova esplosione di prestazioni e di euforia?

CLICCA: maglie dei partecipanti EM

Mix di esperienza e talento

Troppo vecchio, troppo lento, troppo trasparente? Fu allora! La nazionale italiana ha intrapreso un percorso chiaro dalle disastrose qualificazioni ai Mondiali del 2018 e fa affidamento su un mix di routine ben allenate e giocatori di talento affamati di successo.

Oltre all’ex attaccante del BVB Ciro Immobile (31) e all’esterno del Napoli Lorenzo Insigne (30), Mancini si affida a giocatori esperti, soprattutto in difesa. Con i capitani Giorgio Chiellini (36) e Leonardo Bonucci (34), due leggendari Juve ben allenati formano una difesa centrale: guidano e uniscono la difesa.

I rifacimenti, invece, si vedono già nella porta degli Azzurri. Gianluigi Donnarumma ha raccolto una difficile eredità dal famoso Gianluigi Buffon, ma all’età di 22 anni può già attingere a un bagaglio di esperienza da 215 partite di Serie A e 26 partite internazionali. Il portiere, che si dice si trasferirà al Paris Saint-Germain, è una grande speranza per la squadra italiana.

Altri veterani come Andrea Barzagli (fine carriera), Fabio Quagliarella (Sampdoria Genoa) e Daniele De Rossi (fine carriera) sono stati sostituiti negli ultimi anni dai giovani Federico Chiesa (Juventus), Nicolò Barella (Inter) e dal suddetto. Manuel Locatelli (Sassuolo) viene sostituito. La vera star della squadra, però, si è seduta in panchina.

Effetti Mancini e sistema di gioco interessante

Prima di entrare in carica a maggio 2018, all’allenatore Mancini è stato affidato il difficile compito di moderare le turbolenze e riportare gli Azzurri sulla strada del successo. L’uomo di 56 anni ha superato brillantemente questa sfida. Mancini ha preso il lato prostrato, con una media di 2,33 punti in 30 partite, perdendo solo due volte in quell’intervallo.

I giorni del catenaccio calcio difensivo sono finiti; Mancini invece ha fatto affidamento su un sistema offensivo 4-3-3 con ali fulminee e uno stratega di centrocampo tecnicamente competente. Oltre ai buoni passaggi brevi con particolare attenzione alla fase di possesso, l’Italia ha continuato a convincere anche il gioco contro palla: il portiere Donnarumma ha dovuto recuperare solo due volte nelle ultime dieci partite.

Per fare un confronto: nello stesso periodo, i campioni d’Europa del 1968 hanno segnato una media di 2,8 gol a partita. Con una composizione intelligente della rosa, un mix di giovani e meno giovani e un cambio di sistema tardivo, Mancini è avanzato fino a diventare l’architetto del successo. Ora guiderà anche la Squadra al titolo tanto atteso?

Il segreto preferito dell’Italia?

Ora spetta alla squadra confermare i progressi e, per quanto possibile, nei prossimi EURO. Nei forti circoli francesi, belgi e portoghesi, l’Italia è scambiata come favorita segreta per il trofeo EURO a causa della sua sovraperformance.

Ma uno per uno. Prima di tutto, è importante rimanere in un discreto Gruppo A con le partite contro Turchia, Svizzera e Galles e passare agli ottavi. Locatelli e Co. ha voluto gettare le basi nella partita di apertura contro una Turchia anch’essa emergente (Venerdì, a partire dalle 21:00 sul live ticker su skysport.de) sdraiarsi. “Hanno giocatori forti e non sarà una partita facile”, ha detto il fuoriclasse del Sassuolo prima di iniziare, ma si è presentato con sicurezza: “Ma sappiamo cosa possiamo fare!”

Il passato ha dimostrato che avanzare nella fase a gironi è tutto e la fine di tutto: nella fase a eliminazione diretta ci sono tutte le possibilità. Ma con le condizioni attuali, la squadra di Mancini dovrebbe riuscire a superare senza problemi questi ostacoli. Quindi, dopo anni di oscurità, gli italiani affamati di titolo hanno una grande possibilità di riconquistare il loro ambito status di potenza mondiale del calcio e incoronarsi con il loro primo titolo dal 2006.

Attenzione Europa! Questa nazione deve essere aspettata di nuovo.

Maggiori informazioni sull’autore su skysport.de

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.