Nuove operazioni di liberazione civile di Azovstal e Mariupol

Oggi verrà effettuata una nuova operazione per allontanare i civili da Azovstal, mentre oggi si tenterà per il resto di Mariupol.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ieri ha espresso soddisfazione per la rimozione dei primi civili dall’acciaieria Azovstal nel porto di Mariupol, affermando che 100 persone sono state salvate.

“Spero che domani vengano soddisfatte tutte le condizioni necessarie per riprendere l’evacuazione delle persone da Mariupol”, ha detto ieri sera Zelenski nel suo sermone, aggiungendo che il piano consentirebbe la ripresa delle operazioni alle 08:00 (ora locale e ora greca). . ). .

“Continueremo a fare di tutto per tenere la nostra gente lontana da Azovstal, generalmente da Mariupol”, ha aggiunto.

“L’attuazione del corridoio umanitario è una delle dimensioni del processo negoziale in corso. È molto complicato. “Ma non importa quanto sia difficile, più di 350.000 persone sono state salvate dalla zona di guerra”.

Il capo di stato ucraino aveva annunciato in precedenza che il primo gruppo di circa un centinaio di civili aveva lasciato il sito della fabbrica.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) ha confermato all’Agenzia tedesca che sta lavorando con le Nazioni Unite per trasportare in salvo i civili intrappolati attraverso i corridoi umanitari.

Secondo i funzionari ucraini, circa 1.000 civili sono intrappolati nella struttura sotterranea. Funzionari russi stimano che circa 2.500 soldati ucraini e mercenari stranieri si trovino nel seminterrato dell’Azovstal.

LEGGI ANCHE

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.