Putin vuole indebolire e fare pressione sulla NATO. Ma l’alleanza si unì contro di essa

Se vogliamo riassumere il più breve possibile i tre giorni del vertice NATO, diciamo: “Vladimir Putin voleva meno NATO, ma ora ne sta ottenendo di più”, a giudicare dalle conclusioni del principale vertice dell’Alleanza Nord Atlantico a Madrid, che si conclude mercoledì , giornalista Aktuálně.cz Daniel Any.

La sicurezza europea è nuovamente minacciata in modo fondamentale per la prima volta dalla Guerra Fredda, Nato dover reagire. E inoltre, come ha dimostrato chiaramente il vertice di Madrid, ha reagito in modo deciso e uniforme.

Prima del suo attacco all’Ucraina, il presidente Putin ha esposto sul tavolo le condizioni alle quali avrebbe dovuto ritirarsi dall’aggressione. Le sue richieste, che essenzialmente significavano un ritorno alle disposizioni di sicurezza europee prima della prima espansione della NATO dopo la fine della Guerra Fredda, erano del tutto inaccettabili per l’Occidente.

Il presidente russo ha quindi lanciato la guerra partendo dal presupposto che l’Ucraina sarebbe presto caduta e l’alleanza transatlantica, di cui la Nato è un fondamento, sarebbe stata indebolita e scossa. Tuttavia, i negoziati della NATO a Madrid gli avevano ora mostrato chiaramente quanto fosse fatalmente sbagliato nelle sue speranze.

La NATO si espanderà per includere altri due paesi, Finlandia e Svezia. L’attacco della Russia al paese indipendente limitrofo ha scioccato l’opinione pubblica e i politici di questi due paesi scandinavi. La neutralità quasi russa di Putin è diventata un rischio esistenziale per loro.

I due paesi hanno proposto l’alleanza a metà maggio e sono stati formalmente invitati a unirsi all’alleanza mercoledì a Madrid. Ciò avviene dopo che la Turchia ha ribaltato il suo precedente veto diretto al vertice, quando la Finlandia e in particolare la Svezia hanno fatto importanti concessioni ad Ankara, in particolare per quanto riguarda i curdi.

Nel triangolo generale dichiarazione Lo Stato è impegnato nella “solidarietà e cooperazione nella lotta al terrorismo, in tutte le sue forme e manifestazioni”.

In pratica, ciò significa, come ha detto al Financial Times un anonimo membro della delegazione turca, che i paesi scandinavi smetteranno di sostenere le milizie curde in Siria, che Ankara considera terroristi. Porrà fine anche ai contatti con il movimento di Fethullah Gülen, che Ankara accusa di aver orchestrato il tentativo di colpo di stato del luglio 2016.

Presidente turco Erdogan potrebbe venderlo come una vittoria in casa, potrebbe costare qualche punto ai politici finlandesi e svedesi con parte del loro pubblico. Rispetto alle garanzie di sicurezza che ricevono gli Stati membri della NATO, questo è anche un chiaro successo politico per loro.

In cambio, l’alleanza ottenne due eserciti più potenti e militarmente avanzati e quindi rafforzò in modo significativo l’elemento di difesa e deterrenza in tutta la più ampia regione baltica. E Vladimir Putin, che vuole respingere la Nato al confine tedesco, lungo gli oltre mille chilometri di confine della Russia con la Finlandia, ora ha “vinto” l’alleanza a titolo definitivo per il suo vicino.

Oltre a importanti espansioni strategiche, la NATO a Madrid ha anche annunciato il rafforzamento della sicurezza di base dell’esistente fianco orientale, in particolare degli Stati baltici e della Polonia. L’alleanza aumenterà di sette volte, a 300.000 membri unità di risposta rapidache dovrebbe essere in grado di intervenire efficacemente nel giro di pochi giorni contro possibili aggressioni contro il territorio della NATO.

La struttura di queste unità, l’organizzazione del comando e il contributo di ciascun paese devono essere conosciuti al più tardi entro il prossimo anno, anche se diversi paesi hanno già dimostrato il loro impegno direttamente a Madrid. Ad esempio, la Germania vuole fornire 15mila soldati, 65 aerei e 20 navi.

E anche membro dell’alleanza più forte e chiave, gli Stati Uniti (che dall’inizio della guerra in Ucraina ha aumentato il proprio contingente europeo da 80 a 100mila membri) presentano un altro rafforzare la presenza militare nel vecchio continente.

Oltre alle unità dell’alleanza avanzata in otto paesi (i paesi baltici, Polonia, Slovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria), che ora passeranno dal livello di battaglione a quello di brigata, gli americani stabiliranno anche un nuovo stato maggiore di comando in Polonia. e Romania. Altri due squadroni di caccia F-35 saranno inviati in Gran Bretagna, le difese antiaeree saranno rafforzate in Italia e Germania, altri due si aggiungeranno ai quattro incrociatori americani attualmente nel porto di Rota, nel sud della Spagna.

Questa proiezione a lungo termine delle misure organizzative e militari, che dovrebbero essere visibili sul campo nel giro di pochi mesi, diventa quindi una nuova proiezione. Concetto strategico, adottato dalla NATO a Madrid. Questo sostituirà un precedente documento del 2010, in cui l’alleanza ha successivamente affermato il desiderio di avere una “partenariato strategico” con Mosca.

Con le sue truppe in Ucraina e con minacce offensive e militari contro gli stati membri della NATO, Putin ha chiuso questa porta per sempre e per molto tempo. La nuova strategia dell’alleanza ora dice: “La Russia rappresenta il pericolo più significativo e immediato per la sicurezza dell’alleanza e per la pace e la stabilità della regione euro-atlantica”.

Per la prima volta, l’alleanza si concentra anche sulla Cina nella sua visione a lungo termine. “Le ambizioni dichiarate e le politiche coercitive della Cina sono una sfida ai nostri interessi, sicurezza e valori”, ha affermato la nuova strategia di alleanza per Pechino. Questa nuova enfasi sulla Cina a Madrid è stata confermata anche dalla presenza dei capi di stato dei paesi partner dell’alleanza indo-pacifica: Australia, Giappone, Corea del Sud e Nuova Zelanda.

Tuttavia, l’atteggiamento nei confronti di Pechino è anche un avvertimento che ci sono questioni in cui le opinioni dell’alleanza non sono del tutto unite. La Germania ha ripetutamente obiettato, più recentemente prima del vertice di Madrid, che la pressione sulla Cina non sarebbe in definitiva controproducente se volesse costringere Pechino a stringere legami più forti con Mosca.

È anche chiaro che alcuni interessi di sicurezza differiscono e continueranno a differire all’interno della NATO, quando, ad esempio, l’Italia comprende un po’ più a fondo i timori esistenziali dell’ala orientale dell’alleanza dalla Russia. Mentre i paesi baltici e la Polonia – a differenza di Roma – non si preoccupano molto della situazione in Nord Africa.

Ma tutti questi sono problemi che possono essere risolti dall’ordine delle categorie inferiori. Se consideriamo che l’attuale incontro di Madrid è il primo vero vertice della NATO dal 2018 a Bruxelles, dove i giornalisti hanno ricevuto notizie preoccupanti dai delegati nella sala dei negoziati sulla fine dell’alleanza quando l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha indicato che avrebbe lasciato la NATO.

E ricordiamo anche che non molto tempo dopo il presidente francese Emmanuel Macron dichiarò la NATO “clinicamente morta”. Tutto ciò è ormai passato. Troppi capi di stato sono etichettati con gli aggettivi “storici” o “punto di riferimento”. Ma nel caso del Real Madrid, guardando i risultati e l’impegno, è vero.

La NATO è tornata e sostanzialmente torna alle sue radici. Per il motivo per cui è stato creato in primo luogo. Cioè, per difendere il proprio territorio dalle minacce provenienti dall’Est.

VIDEO: Romantsov: l’espansione della NATO non rappresenta una minaccia per la Russia. Putin lo sa molto bene

Non ci si può fidare dei funzionari russi. Le parole che pronunciano non li vincolano. Putin ha girato più volte la sua posizione di 180 gradi, afferma Michael Romacov | Video: Michael Rozsypal

Adriana Femia

"Evangelista zombi malvagio. Esperto di pancetta. Fanatico dell'alcol. Aspirante pensatore. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.