Real Madrid – Espanyol: Carlo Ancelotti, dopo essere stato molestato dai suoi giocatori: “Ho detto a Marcelo ‘altro, diverso’ | Sport

Marcelo era già lassù, con la dea Cibeles. Sono passati quattro anni, dopo la Champions a kyiv, quando il precedente capitano lo ha invitato a correre con lui: “Ringrazio Sergio Ramos, che una volta mi ha portato lì”, ha ricordato. Questo sabato, nei suoi ultimi momenti da giocatore del Real Madrid, il brasiliano lo ha fatto lui stesso e si è divertito. Diede alla dea una bandiera come bavaglino, una sciarpa intorno alla testa come bandana, le lasciò un bacio sulla guancia e rimase lì mentre We are the Champions giocava di nuovo. “Questo è qualcosa di straordinario. Fare questo significa entrare nella storia del Real Madrid”.

4

Courtois, Casemiro (Isco, min. 60), Marcelo, Jesús Vallejo, Lucas Vázquez, Camavinga (Crazy Fuentes, min. 74), Dani Ceballos, Modric (Kroos, min. 59), Rodrygo (Vinicius Junior, min. 74) , Marco Asensio e Mariano (Benzema, 59 minuti)

0

spagnolo

Diego López, Cabrera, Aleix Vidal, Sergi Gómez, Calero (David López, min. 82), Tonny Vilhena (Dídac, min. 64), cicatrice Melendo (Manu Morlanes, min. 64), Yangel Herrera (Fran Mérida, min. 75), Darder, De Tomás (Wu Lei, min. 64) e Javi Puado

bersaglio 1-0 minuti 32: Rodrigo. 2-0 minuto 42: Rodrigo. 3-0 minuto 54: Marco Asensio. 4-0 minuti 80: Benzema.

Arbitro José Luis Munuera Montero

Carta gialla Mariano (min. 41) e Casemiro (min. 45)

Marcelo è arrivato affamato di una vittoria ritardata e con il 30 giugno si avvicinava come una minaccia. Così, quando la partita contro l’Espanyol è finita, era in ginocchio sull’erba, le mani alzate. Un anno fa, nell’ultima partita della stagione al Valdebebas, è svenuto anche lui in campo, ma non ha alzato la mano: la Lega gli era appena sfuggita, e Cibeles, di pochissimo. Ma questo sabato non sarà così: molto prima dell’inizio della partita, sapevo già che il pomeriggio sarebbe finito lì ed essendo il giocatore con più titoli nella storia del Real Madrid, 24.

E non è una formalità. Dopo mezz’ora ha lasciato il segno, un assist con un tubo per Calero, che Rodrygo ha segnato 1-0. La maggior parte dei giocatori segue le ali; Modric abbraccia Marcelo, sottolineando il senso del momento, del pomeriggio, della Liga, della carriera di un brasiliano al Bernabéu. Ha scritto il testo alla fine: “La gioia più grande che un giocatore possa avere è festeggiare con i suoi fan nelle partite casalinghe dopo molti anni nel miglior club del mondo”, ha detto, ricordando anche la Liga di due stagioni fa. , celebrato brevemente a Valdebebas, in piena pandemia, ad Alfredo di Stéfano senza un solo tifoso. E senza Cibeles.

C’è di più: il Real Madrid non vince la Liga al Bernabéu dal 2007, con Capello, e Marcelo, dopo aver alzato la coppa, dopo i coriandoli, ha promosso la coperta di Carlo Ancelotti, che ha indossato la maglia celebrativa con il numero 35 sopra la casacca . Lo hanno lanciato in aria ancora e ancora, e lui si è divertito, come ha raccontato: “Ha detto a Marcelo: ‘Un altro, ancora.’ Mi piace molto stare nell’aria”. L’italiano si è anche emozionato davanti alla telecamera: “È genetica. L’ha fatto mio padre, l’ha fatto mio nonno. Significa che sono molto felice”, ha spiegato. Quella felicità arriva anche da un momento inaspettato, impensabile solo un anno fa: “Voglio ringraziare tutti. Al presidente che mi ha portato qui in un momento che non mi aspettavo”, ha detto dopo essere diventato il primo allenatore a vincere cinque grandi campionati europei.

Florentino Pérez, il presidente che lo ha ingaggiato quando meno se lo aspettava, dopo aver esplorato altre opzioni, ha raccontato l’accaduto: «Appena lo abbiamo chiamato ha detto: ‘Sto correndo’. Pérez ha visto la sua elezione convalidata questo sabato dopo la partenza di Zidane: “È quello che gestisce meglio una rosa forte”, ha detto. “Ci siamo riusciti. Abbiamo avuto successo con tutto, con la pianificazione dei giocatori, con il preparatore atletico, con i fisioterapisti, con tutto. Per noi Ancelotti è il migliore”.

Era l’inizio di una festa che sarebbe stata seguita da un breve viaggio in autobus attraverso Castellana fino a Cibeles, una cena celebrativa con la famiglia a Valdebebas e una sessione di allenamento prevista per questa domenica. In vista della semifinale di ritorno di Champions League contro il City mercoledì, e tutti stanno cercando di usare il titolo come spinta, compreso Ancelotti: “Lo dico ai tifosi. Mercoledì abbiamo bisogno di questa atmosfera”, ha detto. Mancava solo Gareth Bale, che su Twitter ha scritto di soffrire di “spasmi alla schiena”.

Ancelotti non mancherà al mondo, e già al Cibeles chiede un microfono: “Amo cantare”, ha annunciato. E canta: “Lo, lo, lo, lo… Madrid”.

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook Voi Indonesiaoppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.