Sam Lowes su Aprilia: coerenza e successo Vinales / MotoGP

Aprilia è passata dall’ultima parte della MotoGP a contendente al titolo. Continuity e il talentuoso Maverick Vinales sono due delle ricette. Sam Lowes condivide i suoi pensieri sulla sua vecchia squadra.

Aprilia sta riscuotendo un’ondata di successi nella classe MotoGP. Con Aleix Espargaró, la Casa italiana ha una grande stella nella lotta per il Mondiale 2022. Ma anche un secondo pilota, Maverick Viñales, è arrivato al vertice della “classe principale” con la RS-GP. È arrivato terzo ad Assen, davanti a Espargaró, che ha mostrato tutto il suo potenziale in una spettacolare rimonta.

Noale ha conquistato sei podi in questa stagione. L’anno scorso c’erano già dei punti positivi in ​​Aprilia. Ma arrivarci non è affatto facile.

Il nove volte vincitore del Moto2 GP Sam Lowes è uno di quelli che hanno lottato per un anno nella RS-GP senza successo. Nel 2017 le moto sono ancora meno attraenti. In un’intervista ai colleghi di Crash.net, ha commentato la sua ex squadra: “Non sono contento del successo di Aprilia. Non biasimo nessuno quando fa bene, migliora e ottiene buoni risultati”.

“Conosco questo stile di vita, è difficile per tutti noi, per Aleix e il team. Abbiamo avuto un momento difficile nel 2017 perché in quel momento io, il gruppo e il team non eravamo in grado di fornire i risultati che mi aspettavo, ” ha spiegato Lowes. «Questo sport è orientato ai risultati; se non ottieni grandi risultati, basta. Ma è un bene che stia facendo davvero bene”.

Il britannico, tornato in Moto2 dal 2018, ha proseguito: “Puoi imparare dall’esempio di Aleix dell’anno scorso e di questa stagione che non dovresti scambiare continuamente persone o cose. In questo momento, se qualcuno non si presentava subito, veniva semplicemente sostituito. Fedele al motto: aiuta gli altri”.

«La MotoGP è andata molto vicino. Quindi, come principiante, dovresti capire molto rapidamente come farlo. Ma stare con la stessa persona e autista per molto tempo ripaga. Aprilia va bene, la moto sembra molto forte. Aleix è sempre stato un gran lavoratore, è stato grande”.

Lowes ha corso al fianco di Aleix nella classe regina per una stagione, ma dopo alcune gare era chiaro che sarebbe tornato nella classe Moto2.

Maverick Vinales continua a perseguire i suoi grandi obiettivi

Quando l’Aprilia ha annunciato il prolungamento del contratto con Espargaró e Vinales al Mugello, alcuni erano confusi sul motivo per cui a Maverick fosse stata data un’altra possibilità. Ma era ormai chiaro che con Aprilia viaggiava sempre più veloce. In gara andava spesso con il miglior tempo.

Le cose sono diverse in Tech3-KTM. Uno dei due debuttanti non è più in cima alla lista della KTM e del capo squadra Hervé Poncharal per la prossima stagione. Raúl Fernández potrebbe dover partire. Lowes ha corso entrambi per il Campionato del Mondo Moto2 l’anno scorso e ha la sua politica di non ingaggiare un pilota per il secondo anno.

“Per me, hanno giudicato troppo veloce. Entrambi i piloti sono stati fantastici l’anno scorso. Hanno guidato alla grande, sono una sfida per tutti gli altri piloti”, ha detto Lowes. “Ora sembra che almeno uno di loro perderà il suo posto. altri sono in lotta per la vittoria su una Ducati privata, anche se l’anno scorso non hanno avuto possibilità con la stessa moto.

“In Moto2 guidiamo tutti la stessa moto. Penso che il team dovrebbe prendere i piloti e poi registrarli per due anni in modo che abbiano la possibilità di svilupparsi”, ha chiesto il 31enne. “Le squadre che seguono questa strada si esibiranno meglio. Sappiamo tutti che Vinales era difficile da battere ai suoi tempi. È uno dei migliori piloti al mondo”.

Lowes: «Non si può dire diversamente, e lui ha il curriculum giusto per questo. Certo ha avuto qualche problema, brutte giornate, ma la gara è stata dura. I brutti giorni peggiorano le cose”.

Lowes conclude: “Il potenziale di Maverick è enorme, Aprilia se ne è accorta. Nei dati puoi vedere come guida e come i suoi commenti lo corrispondono. Sono sorpreso che siano rimasti con lui, ma sarà molto importante per la squadra negli anni a venire”.

Jolanda Russo

"Datopato di Internet. Orgoglioso evangelista della cultura pop. Studioso di Twitter. Amico degli animali ovunque. Comunicatore malvagio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.