Scandalo in Italia: minaccia di morte i calciatori dopo aver preso d’assalto il campo del telegiornale

Ultra prende d’assalto il campo, attacca il giocatore, lo minaccia di morte: nel terzo campionato italiano è diventato uno scandalo.

Nel duello di Serie C tra le squadre meridionali tra Foggia e Catanzaro (2:6) di lunedì sera, un tifoso di casa è corso verso l’attaccante ospite Pietro Iemmello, proprio mentre stava per tirare un rigore. Il calciatore schiva a malapena il colpo; mentre il tifoso è stato portato via, ha fatto un segno di gola tagliata in direzione di Iemmello.

Iemmello si rifiuta di prendere un rigore

Dopodiché, i giocatori del Catanzaro non hanno più osato tirare un calcio di rigore davanti all’angolo del tifoso del Foggia. Ha giocato per il suo club Puglia, ma è stato detestato lì da quando ha lasciato. Il 30enne aveva segnato due gol contro la sua ex squadra nel primo tempo e poi ha vinto un calcio di rigore – cosa alquanto dubbia – poiché la situazione sugli spalti è peggiorata e bottiglie e petardi sono stati inizialmente lanciati in area di rigore.

Un altro tifoso è entrato in campo: Iemmello ha sostituito in lacrime

Dopo che un altro tifoso ha preso d’assalto il campo, Iemmello è stato sostituito e, secondo i media, è andato negli spogliatoi in lacrime. Il padre di famiglia lascia lo stadio sotto la protezione della polizia. La Lega ha condannato fermamente l’incidente, che “ha causato gravi danni a tutto il calcio”. Il presidente del Foggia Nicola Canonico si è scusato martedì con i fan di tutta Italia.

dpa

Tutte le altre notizie importanti dal mondo dello sport le trovate in News Update.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.