Scusate per gli “ebrei di Hitler”. Putin ricorda a Israele l’importanza del Giorno della Vittoria

In una telefonata con il primo ministro israeliano Naftali Bennett, il presidente russo Vladimir Putin si è scusato per le recenti osservazioni del ministro degli Esteri Sergei Lavrov sulle origini ebraiche di Adolf Hitler. Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha dichiarato di aver ricevuto le scuse dal presidente russo Vladimir Putin.

I due funzionari hanno parlato al telefono giovedì, dopo di che la parte israeliana ha rilasciato una dichiarazione per la quale Putin si è scusato. “Il primo ministro ha accettato le scuse del presidente Putin per le osservazioni di Lavrov e lo ha ringraziato per aver chiarito la posizione del presidente sul popolo ebraico e sulla memoria dell’Olocausto”, ha affermato l’ufficio di Bennett in una nota. Guardia.

Bennett ha anche affermato di aver chiesto a Putin di consentire l’evacuazione dell’acciaieria assediata Azovstal nel porto ucraino di Mariupol. Il primo ministro israeliano ha avanzato questa richiesta dopo una precedente conversazione con il presidente ucraino Volodymyr Zelenysky. La dichiarazione di Bennett affermava che Putin “ha promesso di consentire l’evacuazione dei civili, compresi i civili feriti, attraverso il Corridoio umanitario delle Nazioni Unite e la Croce Rossa”. Tuttavia, venerdì la squadra ucraina ha dichiarato che stava ancora combattendo nell’area.

Per cosa si scusa Putin?

Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha dichiarato questa settimana in un’intervista alle stazioni di notizie italiane che il fatto che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sia ebreo non significa che il suo paese non sia nazista. Secondo lui, anche il leader nazista Adolf Hitler aveva “sangue ebreo”.

“Secondo me, anche Hitler era di origine ebraica, quindi non significa assolutamente nulla. Da qualche tempo sentiamo da ebrei che i più grandi antisemiti sono ebrei”, ha detto Lavrov, parlando russo per la stazione, con traduzione in italiano.

Seguiamo gli eventi in Ucraina nei rapporti online:

Bennett ha condannato la dichiarazione di Lavrov. “Lo scopo di tali bugie è accusare lo stesso popolo ebraico dei crimini più atroci commessi contro di lui nella storia e ritenere responsabili gli oppressori di Israele. L’abuso dell’Olocausto come strumento politico deve cessare immediatamente”, ha affermato il primo ministro israeliano.

Celebrare la sconfitta del nazismo o l’escalation in Ucraina?

Tuttavia, nella dichiarazione di citazione della Russia non si è fatto menzione di scuse e venerdì un portavoce del Cremlino non ha commentato. Invece, ha affermato che Putin e Bennett hanno sottolineato l’importanza di sconfiggere i nazisti nella seconda guerra mondiale, come hanno celebrato lunedì Russia e Israele. Secondo quanto riferito, i leader hanno anche concordato sull’importanza di “preservare con cura la verità storica sugli eventi di quegli anni e onorare la memoria di tutti coloro che sono caduti, comprese le vittime dell’Olocausto”.

La Giornata della Vittoria in Russia è ogni anno caratterizzata da discorsi spettacolari e da una monumentale parata della potenza militare sulla Piazza Rossa.

Quest’anno, poiché la Russia regna sovrana nella guerra in Ucraina, la celebrazione da parte della Russia della sconfitta della Germania nazista è ancora più importante, secondo il New York Times (CENTRO). I media hanno ipotizzato che Putin sfrutterà questa opportunità quest’anno per annunciare i successi militari nella guerra in Ucraina o, al contrario, per dimostrare l’escalation del conflitto e parlerà della necessità di un maggiore impegno.

Con l’invasione russa dell’Ucraina meno riuscita, alcuni analisti temono che Putin coglierà l’opportunità per trasformare quelle che lui chiama “operazioni militari speciali” in una guerra in piena regola.

Negli ultimi anni, secondo il NYT, Putin ha sfruttato il giorno in cui la Russia commemora i 27 milioni di sovietici caduti nella seconda guerra mondiale per mobilitare la nazione in vista di una possibile nuova battaglia. Rivolgendosi alla nazione dagli spalti sulla Piazza Rossa il 9 maggio, ha avvertito che i nemici della Russia stavano reimponendo “molte ideologie naziste”.

Ha parlato lo stesso del conflitto in corso. Riferendosi alla storia di sofferenza ed eroismo della Russia che ha messo radici durante la seconda guerra mondiale, Putin ha descritto la guerra in Ucraina come una guerra contro i nazisti, afferma il sito web. Tempo. Questo nonostante il fatto che l’Ucraina abbia un governo democraticamente eletto e un presidente i cui parenti sono morti durante l’Olocausto e che lo scorso autunno ha firmato una legge sull’antisemitismo.

Putin non dichiarerà guerra, afferma il Cremlino

Tuttavia, mercoledì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha negato che il presidente russo Vladimir Putin avrebbe dichiarato guerra ufficiale all’Ucraina il 9 maggio, secondo l’agenzia Interfax. Secondo Interfax, Peskov ha anche negato che la Russia avrebbe annunciato oggi una mobilitazione generale.

Tuttavia, secondo il NYT, Putin utilizzerà quasi sicuramente il suo discorso per fare appello all’eroismo dei soldati sovietici nella seconda guerra mondiale e cercherà di ispirare e motivare la Russia a sostegno della guerra.

Le narrazioni che Putin intreccia per giustificare la sua guerra in Ucraina, secondo il NYT, sono in gran parte in linea con la narrativa straordinariamente nostalgica del Giorno della Vittoria. Tuttavia, gli analisti che seguono da vicino la Russia affermano che è tutt’altro che certo che Putin dichiarerà lo stato di guerra ufficiale e dichiarerà una mobilitazione di massa.

La festa più importante dell’anno

Per più di due decenni, Putin ha contribuito a trasformare il Giorno della Vittoria nella festa più importante dell’anno, un rituale pieno di gioia e nostalgia che rafforza l’orgoglio nazionale e unisce una società da sempre divisa, afferma il sito web del NYT.

Due anni fa, questo evento è stato oscurato dalla pandemia di coronavirus. Secondo il NYT, i cartelloni pubblicitari dell’epoca promuovevano concerti, spettacoli teatrali e festival musicali patriottici, che dovevano essere cancellati. Aerei da guerra ed elicotteri militari hanno sorvolato la città, ma il sindaco di Mosca ha esortato i residenti a non vederli.

Negli ultimi anni, la parata del Giorno della Vittoria, un tempo a cui hanno partecipato dignitari provenienti da Cina, Germania, Stati Uniti e Repubblica Ceca, ha rispecchiato anche il crescente isolamento della Russia, con molti dignitari stranieri rimasti lontani. Il portavoce di Putin, Peskov, ha dichiarato la scorsa settimana che nessun dignitario straniero è stato invitato all’evento del 77° anniversario quest’anno.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.