Soccorso il soldato Vavasori: mercenari italiani in Ucraina sotto i riflettori

Di George Byron Davos

quando La guerra in Ucraina ha diviso e stravolto il senso della commemorazione della liberazione dal nazismo in Italia, il 25 aprile, è emerso un altro caso di come l’opinione pubblica, e in particolare alcuni soggetti di orientamento ideologico, si sono avvicinati al conflitto. Thriller con lui ha perso Ivan Vavasori, secondo altri un mercenario, secondo altri un appassionato volontario Combattenti dalla parte di Kiev, che sottolineano il carattere e la direzione dei “media” che questa guerra ha preso.

La malaria è decisiva dall’opinione pubblica e dalla strumentalizzazione da parte dell’informazione occidentale, che finora ha equiparato il conflitto in Ucraina alla guerra civile spagnola o del tutto assente. per abbinare l’epica resistenza italiana con questa escalationcon chiari obiettivi politici, ideologici, diplomatici ed economici a scapito della verità storica, come hanno evidenziato figure significative in Italia, da Lucio Carasolo a Lucano Camfora. Da tempo nella stessa Italia – e nonostante il governo donatore taccia ufficialmente – sono state formulate molte domande sul coinvolgimento di leader di destra, neofascisti e altri leader nella battaglia a fianco dell’Ordine neonazista di Azov. Incrollabile sostegno alla politica Nato in Ucraina da parte del pilastro del governo di centrosinistra, il Partito Democratico (PD) di Enrico Letta (che non nasconde la sua ambizione di diventare Segretario generale della NATO), ha aperto canali per il trasferimento, il reclutamento e la formazione di elementi di destra dall’Italia.

“Link sponsorizzati”

Quella notizia Nel gruppo di combattenti Vavasori in Ucraina sono morte cinque persone e lui è stato ignoratoha acceso una nuova narrativa sui “combattenti per la libertà” che, come le stesse persone scomparse che nella “Legione Internazionale per la Difesa dell’Ucraina” è stato nominato “Comandante Roma” o “Aquila Nera”, come sbatte su TikTok “Lotta per Cristo” e ideali democratici. Una democrazia è ovviamente come significa l’élite di destra e paramilitare che controlla la politica in Ucraina, come Denis Prokopenko, che è stato recentemente nominato “Eroe dell’Ucraina” dal presidente Volodymyr Zelensky e assumerà una posizione chiave nel governo dopo la guerra.

Più o meno nello stesso periodo in cui si svolgeva il “dramma” di Vavasori, ma Infine, dal suo stesso messaggio, ma anche dalla dichiarazione di suo padre, è ancora vivo in un ospedale in Ucraina dove è in cura per la febbre.lontano dal campo di battaglia, la Russia lo ha annunciato undici “combattenti stranieri” italiani trovati morti sul campo di battaglia in Ucraina nelle operazioni contro le truppe russe. Gli 11 italiani appartenevano a un’unità di 60 connazionali, che hanno combattuto a fianco delle forze di Kiev e dei quali dieci sarebbero tornati in patria. I 60 italiani secondo il Corriere della Sera, citando informazioni delle autorità antiterrorismo del Paese, per l’esattezza 60 “neri” e anche (ma meno) “rossi, neofascisti, che si precipitarono a prendere le armi, come fecero” i “jihadisti” partiti per la Siria, come tipicamente indicato dalla stessa fonte.

Lo ha annunciato Mosca in Italia, attraverso i canali diplomatici ufficiali, come scrive il quotidiano Corriere della Sera:. Tuttavia, né il governo né il ministero degli Affari esteri hanno confermato o smentito la dichiarazione russa. Tuttavia, il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha affermato che più di 1.000 “mercenari” stranieri sono morti combattendo in Ucraina, aggiungendo che Kiev ha reclutato 6.824 di questi combattenti da 63 paesi, inclusa l’Italia. Dopotutto, i “mercenari” stranieri più ricercati di Mosca, Lo svedese di destra Michael Skilt afferma con arroganza di avere un degno compagno d’armi italiano.

La stampa italiana comincia a preoccuparsi del mercenario che è diventato punta di diamante di un altro tipo di pressione moscovita verso gli stati occidentali. Il destino dei soldati stranieri catturati e uccisi pesa molto sull’opinione pubblica e la sindrome di Polyneikis può costare a molti governi. Dopotutto, la Russia è stata molto chiara nel suo messaggio al Palazzo Kizi. “Le regole del diritto internazionale umanitario non si applicano ai mercenari”. Ma la situazione a questo punto è complicata, perché non è chiaro come si possano caratterizzare questi combattenti. Volontario; Pertanto, secondo il diritto internazionale, sono “combattenti legittimi” al servizio di un paese straniero e sono quindi considerati prigionieri di guerra, pur conservando tutti i diritti fondamentali alla loro detenzione e resa. La Terza Convenzione di Ginevra e il Protocollo addizionale stabiliscono che se il reclutamento è avvenuto attraverso i canali diplomatici ufficiali e il soldato si unisce e si equipaggia nei ranghi dell’esercito regolare, anche lui è considerato normale. Naturalmente, l’Ucraina prevede in qualche modo la fornitura di tali gruppi, sono stati attenti a includere le truppe paramilitari regolari di Azov, oltre a quelle contro cui stanno combattendo solitamente combattenti stranieri.

I mercenari, invece, sono reclutati (e pagati) da organizzazioni paramilitari private e non hanno rapporti diretti con il governo, ma con le aziende che li impiegano. Non è un caso che esista una Convenzione internazionale contro il reclutamento, l’uso, il finanziamento e l’addestramento dei mercenari istituita dalle Nazioni Unite nel 1989 e ratificato dall’Italia, con la legge 210/1995. Ciò fornisce una definizione più ampia del termine mercenario, escludendo i cittadini e i residenti delle parti coinvolte. Ma c’è anche un punto imprecisato, per il loro “reclutamento”, visti e permessi di soggiorno e di lavoro devono essere rilasciati dal governo interessato – come nel caso dei visti rilasciati ai combattenti da Kiev. Questa questione complessa ma essenziale ha implicazioni complesse per la gestione dei detenuti e dei loro scambi. In questo caso, sia sul lato permanente che sui mercenari, Mosca deve prima negoziare direttamente con Kiev e non con l’Italia.

I prigionieri stranieri erano quindi una preziosa merce di scambio per Mosca, che poteva usarla come leva per la pressione sui governi occidentali e come prova per la propria propaganda.

Nel frattempo, Servizio antiterrorismo della Procura di Milano ha ordinato un’indagine, sulla base di notizie di stampa, sul processo di reclutamento illegale di mercenari. Il caso di Vavasori, l’ex calciatore che ha fondato Cristo e la Legione Internazionale per l’Ucraina, solleva sospetti di inganno e manipolazione di persone vulnerabili a scopo di lucro. Quanto a Vavasori, si diceva che fosse lui è andato in Ucraina a proprie spese. Nata vicino a Mosca, Vavasori aveva 5 anni quando nel 1997 la sua matrigna, l’imprenditore Alessandra Sgarella, fu rapita da “Drageta” e a nove mesi dalla sua prigionia scrisse una fiaba sul piccolo Ivan. Non si sa se l’adottivo Ivan abbia letto queste storie, ma lui stesso ha voluto vivere una storia nella sua vita. Sogna di diventare un calciatore famoso e di giocare per suo padre Pro Patria. Poi cercò e trovò la fede in Cristo e in nome della fede cattolica prese le armi in Ucraina (probabilmente contro i russi ortodossi). Inizialmente postando quotidianamente messaggi sui social in difesa di quella che vedeva come una giusta causa: anche “a prezzo fisso”, ovvero a soli 500 metri dalle linee nemiche. Nessun casco o protezione. Fearless”, ha scritto. E ha postato una sua foto con un nastro nero attorno alla sua mitragliatrice.

Qualche istante dopo, però, la seduzione della guerra e l’abnegazione della morte – caratteristica delle ideologie di estrema destra, vedi slogan franchi, nazisti e fascisti – cambia tono: “La guerra? Mi ha fatto vomitare e piangere per giorni”. Siamo maledetti soldati che devono uccidere o essere uccisi”. Ed esprime la sua rabbia verso chi gli ha chiesto di pubblicare i video dei russi caduti: “Ma tu cosa ne pensi? “Vai a dare un’occhiata.” Il 18 aprile, l'”ideologo” 29enne ha inviato il suo ultimo messaggio: “Da oggi eliminerò le app di Instagram e Facebook in modo che non mettano in pericolo la mia vita. Spero di poter scrivere presto”. La notizia della morte della sua squadra ha suscitato paura per la sua vita, fino a quando lui e suo padre hanno confermato che il volontario 29enne era semplicemente “freddo”, indifferente al clima rigido dell’Ucraina e alla guerra così idealizzata.

cosmodromio.gr

“Link sponsorizzati”

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.