Supermán López e Iván Sosa, tra i candidati al podio del Giro-2022

Sei ciclisti colombiani sono ufficialmente iscritti per gareggiare questo venerdì al Giro d’Italia, e due di loro fanno parte della rosa dei favoriti per il titolo di gara che Egan Bernal (Ineos) ha vinto nel 2021.

Tra i candidati alla conquista spiccano Miguel ngel López (Astana) di Boyacá e Iván Ramiro Sosa (Movistar) di Cundinamarca.

Gli altri quattro rappresentanti sono Diego Andrés Camargo (EF), Santiago Buitrago (Bahain), Harold Tejada (Astana) e Fernando Gaviria (UAE) – vedi protagonisti –, quest’ultimo desideroso di vincere le tappe per il confezionamento.

Prima della gara, Jhonatan Restrepo (Astana) ed Esteban Chaves (EF) si erano pre-iscritti, ma il primo è caduto e si è infortunato al ginocchio, e il secondo spera di prepararsi a competere, insieme al compagno di squadra Rigoberto Urán, al Tour dalla Francia.

Il campione del Giro 2014, Boyacence Nairo Quintana (Arkéa), ha dimostrato che la Colombia ha il potenziale per sognare ancora in grande nella 105a edizione del round italiano che inizierà con il percorso di 195 chilometri tra Budapest e Visegrád, in Ungheria.

“Penso che abbiamo piloti che possono ottenere grandi prestazioni, soprattutto in lotta per il podio, incluso Miguel Ngel. Può essere un buon generale perché nell’ultima gara – ha vinto una piccola parte al Tour of the Alps – ha mostrato di essere in buona forma”, ha detto Nairo.

Con lui coincide l’ex ciclista di Antioquia Mauricio Ardila, presente in otto giri d’Italia.

“Le aspettative con i nostri compagni di squadra sono alte. Se López andrà al Giro sarà perché la sua squadra crede che farà un buon lavoro con lui. Questo è un broker da non sottovalutare. Inoltre, Sosa ha un’enorme opportunità per dimostrare che può guidare la sua squadra. Nonostante avrà al timone Alejandro Valverde, Ivan Ramiro si vede e ci dà gioia”, ha detto Ardila.

“Arrivo al Giro emozionato, sono motivato e spero che tutto vada bene per il titolo. Il Giro ha avuto un percorso molto difficile fin dall’inizio, vedremo come andrà la gara, soprattutto in montagna”, ha detto Sosa, 24 anni, arrivato di buon umore dopo aver vinto domenica scorsa la Vuelta a Asturias.

“Insieme a Valverde cercheremo di fare bene. Non so chi sarà il leader, ma stiamo entrambi bene e vedremo col passare del tempo”, ha aggiunto il creolo.

altro preferito

In assenza di artisti del calibro di Egan e degli sloveni Tadej Pogacar (UAE) e Primoz Roglic (Jumbo), c’è un altro ciclista chiamato a dominare.

Oltre al colombiano Richard Carapaz (Ineos) dall’Ecuador, i campioni del 2019, Joao Almeida (UAE) dal Portogallo e Mikel Landa (Bahrain) dallo spagnolo sono apparsi forti per difendere il trofeo “Senza Fine” che sarà vinto dal vincitore del concorso. accettare. termina il 29 maggio a Verona.

Non sono da escludere anche referenze come il locale Vincenzo Nibali (Astana), vincitore nel 2013 e 2016, e l’olandese Tom Dumoulin (Jumbo), che ha conquistato l’evento italiano nel 2017.

Sarà un Giro per scalatori. Il percorso di 3.445 chilometri comprende porti mistici come Stelvio, Gavia, Mortirolo, Marmolada, Zoncolan, Finestre e Blockhaus. Inoltre, sarà rilasciato Kolovrat, al confine con la Slovenia.

Come riportato dall’agenzia di stampa EFE, ci sarà una vetta con un dislivello totale accumulato di oltre 50.000 metri. Il cronometro ha solo 26 chilometri da sfoggiare e il velocista 6 occasioni.

Gaviria arriva con la motivazione

Dopo aver superato una clavicola rotta, Fernando Gaviria (UAE) cercherà di aumentare il suo buon track record.

L’uomo di Antioquia ha 49 vittorie professionistiche, cinque delle quali al Giro.

I suoi rivali sul palco piatto includono l’australiano Caleb Ewan (Lotto Soudal) e l’inglese Mark Cavendish (Fast Step).

Dopo aver lasciato il territorio ungherese, il Giro ha potuto iniziare a identificare coloro che avrebbero lottato per la vittoria finale dal quarto giorno, arrivando sull’Etna.

Nella nona fazione, la prima esigenza di alta montagna sarà vissuta con un traguardo in cima al Blockhaus. Altra tappa difficile è la 15, da Rivarolo Canavese e la salita a Cogne; 16 (Saló-Aprica), 17 (Ponte di Legno-Lavarone) e 20 (Belluno-Marmolada).

A Verona, e nella modalità a cronometro, verrà svelato il nuovo campione

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.