Tempesta al Campidoglio: l’ex procuratore generale Rosen fa causa a Trump

“Le accuse sono infondate”

Rosen ha detto che durante il suo breve incarico alla guida del ministero dal 23 dicembre 2020 al 3 gennaio 2021, Trump lo ha chiamato e videochattato con lui quasi ogni giorno. Donoghue ha affermato che Trump ha un “arsenale di accuse” su presunte frodi elettorali “su cui vuole basarsi”. Il presidente ha chiesto al Dipartimento di Giustizia di indagare. Tuttavia, queste sono accuse infondate o teorie del complotto. “Queste accuse sono infondate”, ha detto Donoghue.

Il Dipartimento di Giustizia ha rispettato la legge ei fatti, ha insistito Rosen. Tra le altre cose, Trump ha cercato di convincere il dipartimento a scrivere una lettera in cui affermava che le elezioni erano corrotte, ha detto Donoghue. Trump ha detto che lui e i suoi alleati repubblicani al Congresso avrebbero poi fatto “il resto”, vale a dire ribaltare i risultati elettorali validi.

Al comitato è stata mostrata un’illustrazione raffigurante i posti a sedere dei partecipanti alla Casa Bianca. (Fonte: immagine Demetrius Freeman/Reuters)

Il ministero avverte Trump con le dimissioni

Trump ha minacciato di sostituire Rosen con l’alto funzionario Jeffrey Clark, che era disposto a utilizzare l’agenzia per minare le elezioni, di fronte al rifiuto del dipartimento di sostenerlo. In un drammatico incontro alla Casa Bianca nel dicembre 2020, Trump ha chiarito il 3 gennaio che in questo caso quasi tutti i vertici del ministero si sarebbero dimessi immediatamente, hanno detto insieme Rosen e Donoghue.

Si dice che la riunione dello Studio Ovale si sia riscaldata, ha riferito la CNN, citando i documenti del comitato. Donoghue considera Clark non idoneo. “Sei un avvocato ambientale. Che ne dici di tornare nel tuo ufficio e ti chiameremo se c’è una fuoriuscita di petrolio”, ha letto Donoghue in una dichiarazione su ciò che ha detto a Clark.

Si dice che i sostenitori di Trump di Clark fossero disposti a sostenere il piano del presidente. Si dice che la casa di Jeffrey Clark sia stata saccheggiata mercoledì scorso. Tuttavia, non è chiaro chi abbia dato le istruzioni.

esplorare le teorie del complotto

Secondo le loro stesse dichiarazioni, agli alti funzionari è stato anche chiesto di esaminare oscure teorie del complotto. L’allora segretario alla Difesa Chris Miller contattò addirittura un collega a Roma su richiesta della Casa Bianca per indagare su una teoria del complotto secondo cui un satellite italiano aveva cambiato il voto da Trump a Joe Biden. Richard Donoghue, che ha dovuto affrontarlo anche lui, lo ha descritto come “follia totale”, ha citato la CNN dal processo.

Rosen e Donoghue sono entrati in carica solo nel dicembre 2020 durante le ultime settimane del mandato di Trump dopo che il procuratore generale William Barr ha rassegnato le dimissioni nel mezzo di una disputa sull’esito delle elezioni presidenziali.

Jolanda Russo

"Datopato di Internet. Orgoglioso evangelista della cultura pop. Studioso di Twitter. Amico degli animali ovunque. Comunicatore malvagio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.