Turchia: “Operazione Dagana” nel nord Iraq – Preghiera di Emine Erdogan

Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha annunciato che le forze armate turche hanno lanciato l'”Operazione Dagana” contro l’organizzazione terroristica del PKK nel nord dell’Iraq (foto d’archivio sopra, di Reuters).

Per salvare la Turchia

Hulusi Akar ha affermato di essere determinato a salvare la Turchia dal terrorismo dopo 40 anni.

Il ministero della Difesa turco afferma che il PKK sta pianificando un attacco su larga scala ed è per questo che le forze aeree e di terra sono state dispiegate nell’area, riferisce sigmalive.com.

L’operazione, secondo Ankara, rientra nell’autodifesa disciplinata dall’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite.

I media turchi hanno riferito che le truppe turche hanno attaccato i nascondigli del PKK nelle aree di Metina, Zap e Avassin-Basian, neutralizzando 19 terroristi e colpendo 170 obiettivi.

Le truppe turche sono entrate anche in un tunnel costruito dai francesi lì.

Nel frattempo, le truppe turche hanno lanciato operazioni militari contro il PKK ea Diyarbakir.


Foto dell’agenzia di stampa curda kurdpress.com

Il sostegno alla nuova operazione militare contro il PKK è stato fornito anche dal leader ufficiale dell’opposizione (CHP) Kemal Kilicdaroglu.

“Per coprire la fame”

Il leader del partito filo-curdo HDP, Meral Danis Bestas, ha invece affermato che la politica di guerra era “un modo per coprire la fame, la povertà, la disoccupazione e gli omicidi. La ragione di questa guerra è una crisi interna che ha non è stato risolto. [της Τουρκίας]».

Il Centro stampa delle Forze di difesa popolare – HPG, ha annunciato che 12 intrusi sono stati puniti mentre cercavano di recarsi a Werxel nell’area di Avasin nel nord dell’Iraq, ha riferito l’ufficio ufficiale curdo kurdpress.com.

“Il 18 aprile alle 09:40, gli intrusi che volevano dirigersi verso Werxel nell’area di Avassin sono stati colpiti dalle nostre truppe con armi atomiche e granate. “Durante gli scontri, 12 intrusi sono stati puniti”, ha detto HPG.

La preghiera di Emine

La moglie del presidente turco, Emine Erdogan, spera in una vittoria dell’esercito turco nel nord dell’Iraq contro i separatisti curdi.

“Le nostre preghiere sono con i nostri soldati nell’operazione Pence-Kilit, iniziata nel nord dell’Iraq, e che Allah conceda la vittoria al nostro glorioso esercito”, ha scritto su Twitter.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.