Ucraina – Al Jazeera: la guerra rende la Grecia una porta verso l’energia

Al Jazeera parla di trasformare la Grecia in una porta alternativa per il gas naturale.

Un articolo di Al Jazeera parla dell’ascesa della geopolitica greca e della trasformazione del nostro Paese in una porta per l’ingresso del gas naturale in Europa a seguito della guerra in Ucraina.

Nello specifico, Al Jazeera ha sottolineato che la Grecia completerà entro un mese la costruzione di un gasdotto che la collegherà alla Bulgaria, progetto che segna la fine del monopolio russo nella regione, ma anche nell’Europa sudorientale.

Finora, la Russia ha fornito il 90% del suo gas naturale alla Bulgaria. La Russia ha chiuso i rubinetti il ​​27 aprile quando Sofia ha annunciato che non avrebbe rinnovato il suo contratto con la russa Gazprom alla fine dell’anno. La stessa cosa è successa in Polonia, che ha preso una decisione simile.

“Il presidente russo non voleva dare l’impressione di perdere clienti e ha deciso di tagliare lui stesso in anticipo”, ha detto ad Al Jazeera Mike Myrianthis, un veterano dell’energia e analista.

La Bulgaria è ora in attesa del gasdotto IGB per la fornitura di gas naturale, che arriverà dall’Azerbaigian e la Grecia lo riceverà tramite il Trans-Anatolian Pipeline (TANAP).

Come sottolinea il consigliere per la strategia energetica Michalis Mathiolakis, la Bulgaria è già “completamente” dipendente dalla Grecia per il gas naturale. In effetti, ha osservato che per la prima volta la Grecia è pienamente responsabile della sicurezza energetica di un paese.

Ucraina: la Grecia diventa la porta del gas naturale

Il 31 gennaio, un consorzio di società provenienti da Grecia, Cipro, Bulgaria e Italia ha annunciato la costruzione di un nuovo terminale di gas naturale liquefatto (GNL) ad Alexandroupolis.

“Credo fermamente che stiamo assistendo a un nuovo inizio per l’indipendenza energetica dell’Europa”, ha affermato Charles Michel, Presidente del Consiglio d’Europa, all’inaugurazione del terminale di gas naturale liquefatto GNL ad Alexandroupolis.

Più l’Europa sudorientale dipende dal gas greco, conclude l’articolo, maggiore è l’impronta geopolitica del Paese nei Balcani, notano gli analisti. La Grecia, per la sua posizione geografica, è una porta del gas naturale.

Ucraina: Lavrov afferma che Mosca ha acquirenti di energia al di fuori dell’Occidente

Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha anche sottolineato che la Russia ha diversi acquirenti per le sue risorse energetiche al di fuori dell’Occidente.

“Lascia che l’Occidente paghi più di quanto paga nella Federazione Russa e spieghi alla sua gente perché deve diventare più povero”, ha detto Lavrov di Mascate.

Seguilo La voce di Atena su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.