Ucraina: nuovo tentativo di attacco all’Azovstal

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 13:28

Le cose sono state relativamente calme sul campo di battaglia in Ucraina nelle ultime 24 ore, secondo lo stato maggiore ucraino.

Nelle regioni di Donetsk e Luhansk, “otto attacchi nemici sono stati respinti” e tre carri armati, otto pezzi di artiglieria, sette mezzi corazzati per il trasporto di personale, un’auto e tre macchine sono stati distrutti, secondo gli ingegneri dell’esercito russo, secondo il personale.

Nel frattempo, nel sud, è stato fatto un rinnovato tentativo russo di impadronirsi dell’acciaieria Azofstal, l’unica parte di Mariupol dove rimangono le truppe ucraine.

In altre aree, l’attività russa è limitata al fuoco di artiglieria e ai voli di ricognizione, secondo lo Stato Maggiore dell’Ucraina.

Nella regione di Izium, da cui la Russia intende lanciare un attacco a Kramatorsk per circondare le unità ucraine nel Donbas, sono stati registrati UAV per trovare posizioni difensive.

Secondo la stessa fonte, bombardamenti di artiglieria e attacchi dell’aviazione russa sono stati segnalati a Kharkov, che prima della guerra aveva una popolazione di 1 milione di abitanti, e in aree fuori Danietsk, ma non attacchi a terra, secondo la stessa fonte.

L’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk ha dichiarato oggi in una dichiarazione che altre 50 persone sono state evacuate dall’assediata acciaieria Azovstal a Mariupol, secondo l’agenzia di stampa russa Interfax.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che sono in corso sforzi diplomatici per salvare i combattenti che si erano rifugiati nella grande acciaieria Azofstal a Mariupol dopo che diverse dozzine di civili sono stati evacuati venerdì.

Gli ucraini che difendono Azovstal hanno detto che non si sarebbero arresi. I funzionari ucraini temono che le truppe russe vogliano eliminare l’ultima roccaforte della resistenza a Mariupol, la città portuale dell’Ucraina meridionale, lunedì mentre la Russia celebra la vittoria delle truppe sovietiche sulla Germania nazista nella seconda guerra mondiale.

Kiev ha annunciato venerdì che 50 civili sono stati evacuati da Azovstal, accusando Mosca di aver violato un cessate il fuoco unilaterale dichiarato per rimuovere dozzine di civili intrappolati nei sotterranei della fabbrica.

Mariupol è stata sotto il bombardamento più pesante di qualsiasi regione dell’Ucraina dal 24 febbraio, quando la Russia ha invaso il paese.

In un discorso a tarda notte, Zelensky ha affermato che l’Ucraina stava lavorando a sforzi diplomatici per salvare i combattenti che difendevano Azovstal.

“Sono coinvolti mediatori influenti, paesi influenti”, ha detto, senza approfondire.

L’evacuazione di centinaia di civili dalle acciaierie è iniziata lo scorso fine settimana, a seguito dell’intervento delle Nazioni Unite, ma ha dovuto essere rinviata a causa della ripresa delle ostilità.

Cinquanta donne, bambini e anziani sono stati evacuati da Azovstal ieri pomeriggio, ha affermato Irina Verestsuk, vice primo ministro del governo ucraino. Ha aggiunto che l’operazione continuerà oggi, ma ha accusato la Russia di aver violato costantemente il cessate il fuoco e che l’operazione di evacuazione stava procedendo lentamente.

Mosca ha confermato il numero di persone evacuate da Azovstal, dicendo: “L’operazione umanitaria in Azovstal proseguirà il 7 maggio”. Attraverso.

Il sindaco di Mariupol ha stimato all’inizio di questa settimana che 200 civili si erano rifugiati nell’impianto, poiché aveva poche scorte di acqua e cibo. Non è chiaro quanto ne sia rimasto.

Nel frattempo, il capo dell’ufficio del presidente ucraino, Andriy Germak, ha detto a Telegram che 500 civili sono stati evacuati ieri da Mariupol, compresi alcuni che si trovavano ad Azovstal.

Germak ha parlato di “un’altra fase di sfollamento” che continuerà nei prossimi giorni e ha ringraziato le Nazioni Unite e il Comitato internazionale della Croce Rossa per l’assistenza.

Il 21 aprile il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato la vittoria delle sue truppe a Mariupol e ha chiesto loro di chiudere la fabbrica e ha chiesto ai combattenti all’interno di arrendersi. Pochi giorni dopo, la Russia ha continuato il suo assalto ad Azovstal.

L’occupazione di Mariupol è considerata di importanza strategica per Mosca in quanto creerebbe un corridoio che collegherebbe la Crimea annessa con le regioni ucraine orientali di Donetsk e Luhansk, dominate da ribelli separatisti filo-russi.

Informazioni finora sull’attacco all”ammiraglio Makarov”

I media ucraini e internazionali hanno riferito ieri, venerdì, che la fregata Admiral Makarov della Marina russa è stata colpita da un missile ucraino contro la nave di superficie Neptun e ha preso fuoco nel Mar Nero, vicino a Snake Island, cosa che non accadeva dai tempi di Mosca. lontano.

Questa particolare nave da guerra è moderna, è entrata in servizio nel 2016. Si ritiene che altre tre fregate della stessa classe siano state schierate nel Mar Nero.

Sebbene il governo ucraino non abbia confermato né smentito l’incidente, lo stato maggiore parla ora di 11 navi da guerra russe – compresi piccoli motoscafi – che sono state distrutte dall’inizio della guerra.

Il sito di notizie ucraino Dumskaya ha pubblicato foto satellitari che ritraevano la fregata in fiamme, qualcosa che non poteva essere verificato in modo indipendente.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.