Un anno dopo le elezioni, i cechi hanno chiesto alla Bielorussia di liberare i prigionieri politici e di porre fine alla repressione

In occasione dell’anno successivo alle elezioni presidenziali in Bielorussia, il Ministero degli Affari Esteri ceco chiede al governo bielorusso di rilasciare tutti i prigionieri politici, porre fine alla repressione e stabilire un dialogo con i cittadini. Il resort ha ricordato che i risultati delle elezioni, in cui ha vinto ufficialmente l’attuale presidente Alexander Lukashenko e che, secondo l’opposizione, sono state accompagnate da frodi, non sono stati riconosciuti dalla Repubblica Ceca o dall’Unione Europea.

Secondo il ministero, gli eventi degli ultimi mesi mostrano che il regime bielorusso è implacabile nelle sue azioni contro i rimanenti leader dell’opposizione e media indipendenti, ha intrapreso un’azione decisa contro le missioni diplomatiche dei paesi dell’UE e sta scegliendo sempre più un approccio conflittuale. .

“Molte volte nell’ultimo anno e negli anni precedenti, il Ministero degli Affari Esteri ha quindi chiesto al governo bielorusso di rilasciare tutti i prigionieri politici, porre fine a ogni oppressione e avviare un dialogo con i propri cittadini. La gente non chiede altro che rispetto. per le proprie leggi, i diritti civili fondamentali e lo svolgimento di elezioni eque e libere in conformità con gli obblighi internazionali bielorussi”, ha affermato il ministero.

Secondo il ministero, i cechi continuano ad aiutare le persone che si battono per una Bielorussia pacifica e democratica. “Ci sono quasi 600 prigionieri politici in prigione, molte persone sono state condannate a pesanti pene detentive in processi inventati. Conosciamo questo metodo dalla nostra stessa storia e oggi non appartiene all’Europa”, ha affermato la diplomazia ceca.

Ecco perché i cechi hanno sostenuto diverse ondate di sanzioni adottate dal Consiglio dell’Unione europea per punire i responsabili di repressioni e intimidazioni violente. L’ultima ondata di sanzioni ha preso di mira anche l’economia e i casi del dirottamento dell’aereo Ryanair e dell’arresto del giornalista dell’opposizione Raman Pratasevich. Le autorità bielorusse hanno costretto un aereo in rotta da Atene a Vilnius, attraverso il quale stava viaggiando Pratasevich, ad atterrare a Minsk. Successivamente è stato arrestato dalla polizia bielorussa.

Cichanous: Dalla Bielorussia arriva la Corea del Nord, il regime ha stabilito l’inferno. Credo in quello che ha fatto Havel

Il regime ci ha preparato l’inferno e la brutalità, sento il sostegno della Repubblica Ceca, la posizione dei politici cechi è chiara. Le sanzioni sono una potente leva, afferma Svjatlana Cichanouská. | Video: Michael Rozsypal, DVTV

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.