Vaccinazioni obbligatorie per medici, infermieri e colleghi: norme negli altri paesi europei

Düsseldorf, Stoccolma, Londra, Roma, Vienna, Atene Mentre la Germania ha iniziato le vaccinazioni parziali a metà marzo, il Regno Unito l’ha appena eliminata di nuovo. A novembre, Londra ha reso obbligatorie le vaccinazioni nelle case di cura e nei servizi di assistenza mobile.

Il tasso di vaccinazione è aumentato dal 77 al 94,5%. Allo stesso tempo, però, si stima che decine di migliaia di persone abbiano smesso di lavorare perché non vogliono essere vaccinate. Entro aprile, la vaccinazione obbligatoria dovrebbe essere estesa al personale sanitario nazionale del SSN. Ma pochi giorni fa, il governo ha annullato il piano.

Ospedali e associazioni sanitarie hanno avvertito che la vaccinazione obbligatoria aggraverà la carenza di medici e infermieri. Anche il ministro della Salute Sajid Javid ha confermato l’inversione con il fatto che l’attuale variante dominante di omcron è più leggera della precedente variante dominante delta.

Inoltre, la protezione vaccinale nella popolazione attuale è così elevata che è possibile rinunciare alle misure coercitive. Dal punto di vista del governo, l’annuncio della vaccinazione obbligatoria ha rafforzato la disponibilità del personale del SSN a farsi vaccinare. Il 95% riceverà almeno una dose del vaccino. Gli operatori sanitari non vaccinati che sono stati licenziati l’anno scorso possono ora tornare.

Il miglior lavoro di oggi

Trova i migliori lavori ora e
notificato via e-mail.

L’attuale strategia di vaccinazione obbligatoria per infermieri e operatori sanitari è diversa: la Polonia la introdurrà all’inizio di marzo. Italia e Francia continuano a seguirlo, la Grecia sta persino discutendo di un inasprimento.

Una multa di 50.000 euro in Grecia

In Grecia la vaccinazione è obbligatoria nel settore sanitario. A fine marzo scade il divieto di lavoro per i non vaccinati della zona. La proroga non è stata ancora decisa. Tuttavia, vi sono considerazioni non solo per esentare le persone non vaccinate nel settore non retribuito per un periodo di tempo limitato, ma anche per non assumerle più in linea di principio. Il ministro della Salute Thanos Plevris lo sostiene. Ha annunciato l’accordo finale il 31 marzo.

sciopero in Grecia

Gli operatori sanitari hanno manifestato contro la vaccinazione obbligatoria l’anno scorso.


(Foto: dpa)

Attualmente meno di 5.000 dipendenti sono interessati dall’eccezione. Inoltre, tutti in questo settore dovrebbero essere incoraggiati entro e non oltre sette mesi dalla seconda vaccinazione.

In Grecia esiste anche un centro di registrazione delle vaccinazioni. Le autorità possono chiamare lo stato vaccinale di ogni cittadino tramite codice fiscale o codice fiscale. Gli operatori delle case di riposo che impiegano personale non vaccinato rischiano sanzioni altissime: 50.000 euro per le prime infrazioni, 200.000 euro per le recidive.

Alti tassi di vaccinazione nel settore sanitario in Italia e Francia

In Italia sono fallite le querele contro l’obbligo di vaccinazione professionale a partire da aprile 2021. Attualmente solo una piccola parte del personale non è vaccinata, con medici e dentisti intorno allo 0,3%. Ci sono ancora circa 6.000 infermieri che non sono vaccinati, il che equivale a un tasso di quasi l’uno per cento.

Uomo d’affari che controlla lo stato di vaccinazione. Tutti gli ospedali, gli studi medici, le farmacie e le strutture di assistenza devono inoltrare gli elenchi dei dipendenti alla contea. Lì viene verificato lo stato di vaccinazione, che viene conservato presso le autorità fiscali in Italia. Le persone non vaccinate vengono contattate direttamente dalle autorità sanitarie locali – e invitate per la vaccinazione.

>> Leggi di più: Come si può controllare l’obbligo generale di vaccinazione? Le compagnie di assicurazione sanitaria non vogliono fare il poliziotto in più

Chi non desidera essere vaccinato deve fornire la prova di un’esenzione giustificata dal punto di vista medico entro cinque giorni. Senza questa prova, le persone colpite saranno sospese dal lavoro e i loro stipendi saranno sospesi. Solo dopo la vaccinazione ci sono di nuovo soldi. Le regole erano originariamente in vigore fino al 15 giugno di quest’anno.

Anche in Francia, da settembre dello scorso anno, i datori di lavoro hanno dovuto controllare le vaccinazioni nel settore sanitario. Inizialmente, i dipendenti non vaccinati possono ancora prendersi una pausa o giorni liberi per continuare a essere pagati. Successivamente, sono stati sospesi senza stipendio. Licenziamenti imprevisti. Molti vengono vaccinati rapidamente. A metà ottobre, il ministero della Salute ha stimato che il 99 per cento dei lavoratori del settore sanitario era stato vaccinato.

ospedali in Italia

Ci sono ancora circa 6.000 infermieri non vaccinati in Italia.

(Foto: immagini imago/Xinhua)

Finora non c’è fine alla misura in vista. Il ministero della Salute ha promesso che la tessera vaccinale generale per tutti potrebbe scadere a fine marzo se la situazione negli ospedali lo consentirà. Tuttavia, non è chiaro se ciò influisca anche sui requisiti di vaccinazione per gli operatori sanitari.

In Polonia, la vaccinazione obbligatoria inizia all’inizio di marzo

Il governo polacco prevede un aumento simile dei tassi di vaccinazione come in Italia e Francia con requisiti di vaccinazione per il personale medico. Medici e infermieri dovrebbero ricevere il vaccino a marzo. Tuttavia, il governo sta lasciando che coloro che rifiutano le vaccinazioni debbano affrontare quali sanzioni.

Varsavia sta lottando per combattere la pandemia. Il governo sta manovrando, la maggior parte dei residenti evita persino l’obbligo di indossare maschere quando possibile. Solo circa il 60 per cento della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccinazione.

La vaccinazione non è obbligatoria per gli operatori sanitari in Spagna, Portogallo e Nord Europa

In Spagna, Portogallo e gran parte del nord Europa, la vaccinazione non è obbligatoria per gli operatori sanitari e nemmeno per la popolazione in generale, né è prevista. Il ministro della Salute spagnolo, Carolina Darias, ha dichiarato all’inizio di dicembre dopo che la Commissione dell’Unione europea ha discusso della vaccinazione obbligatoria: “La nostra situazione è molto diversa”.

Il tasso di vaccinazione in Spagna è uno dei più alti d’Europa, con il 91% di quelli di età superiore ai 12 anni che è stato completamente vaccinato. Ciò corrisponde all’81% dell’intera popolazione. Nell’UE è del 72 per cento, in Germania è del 74 per cento.

Anche il primo ministro portoghese António Costa si è espresso contro la vaccinazione obbligatoria. “Fortunatamente, queste discussioni non hanno senso nel nostro Paese”, ha detto all’inizio di dicembre. Il 91% dei portoghesi è completamente vaccinato.

Anche in Nord Europa la vaccinazione obbligatoria nel settore sanitario non è considerata necessaria a causa dei tassi di vaccinazione relativamente elevati. Tuttavia, alcune zone della Svezia hanno deciso che il personale medico negli ospedali dovrebbe essere vaccinato.

Coloro che non vogliono farlo vengono trasferiti in posizioni non aperte al pubblico, ad esempio nell’amministrazione. Un’altra eccezione è la Lettonia: nei paesi baltici, tutti i soldati e i professionisti del settore sanitario e delle istituzioni educative devono essere vaccinati dall’ottobre dello scorso anno. Chi rifiuta può essere licenziato.

Ancora: “La via d’uscita dalla spirale senza fine delle restrizioni” – I parlamentari semaforici presentano piani per la vaccinazione obbligatoria

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.