Verdasco esplode su Twitter per l’invito al Mutua Madrid Open

Annuncio questo mercoledì sull’invito al sorteggio della finale maschile e femminile e ai turni preliminari del Mutua Madrid Open maschile e femminile ha confermato la presenza di due grandi del tennis come Andy Murray (campione del torneo di doppio) e Naomi Osaka… ma anche la rara presenza di tennisti spagnoli nei luoghi di accesso a questi tavoli da torneo, cosa che non è andata molto bene tra i tennisti nazionali.

Il più critico di loro è Fernando Verdasco. Il madrileno, che sta cercando di recuperare la sua migliore partita di tennis dopo diversi anni difficili per infortunio e che non potrà giocare al tavolo finale del torneo perché non ha ricevuto un invito (per classifica non ha inviti ad accesso diretto o perché ha 121 anni nel mondo), ha pubblicato dichiarazioni forti, riprese da altri giocatori colpiti da questa decisione, come Pablo Andjar, Carlos Taberner, Nurria Párrizas o Aliona Bolsova, e in cui si sono pentiti dell’invito. al torneo non è stato assegnato ai tennisti spagnoli. “Visto l’annuncio odierno del Mutua Madrid Open dell’invito che offriranno al torneo di quest’anno, molti giocatori spagnoli non possono fare a meno di condividere la nostra opinione. Siamo sorpresi, e anche molto frustrati, che il più grande evento di tennis della Spagna stia mostrando così poco (o nessun) supporto per i tennisti spagnoli con gli inviti distribuiti.soprattutto per l’immagine principale”.

Verdasco ha criticato i criteri per gli inviti concessi, lamentato che gli interessi commerciali prevalevano su quelli sportivi e ha sottolineato che nei 1.000 Masters di Roma i primi inviti furono dati ai tennisti italiani. “Non capiamo che le società promotrici e i proprietari dei tornei abbiano ritenuto ragionevoli i criteri per la concessione di questi inviti. Comprendiamo che alcuni di loro hanno dato loro la propria discrezione, ma non in tutti la loro importanza commerciale è stata vittoriosa sullo sport spagnolo e ha deviato completamente dal percorso seguito negli anni precedenti. Abbiamo tanti tennisti che sono già alle porte per poter partecipare, e sono stati ignorati nella loro richiesta di accettare l’invito. Se guardiamo ad altri tornei della stessa categoria, il supporto mostrato ai tennisti locali è molto alto. Senza andare oltre, Il torneo di Roma, che si svolge una settimana dopo quello di Madrid, ha annunciato i suoi primi cinque inviti e tutti sono per tennisti italiani”.

Verdasco ha comunicato la delusione dei tennisti spagnoli ad altre istituzioni che hanno collaborato al torneo, poiché ha affermato che si aspettavano anche la partecipazione di più tennisti spagnoli al torneo. “Crediamo fermamente che i principali sponsor del torneo, tra cui il Comune di Madrid, Mutua Madrileña e la società spagnola (così come la federazione spagnola e la maggior parte del pubblico nazionale) vogliano sostenere il tennis spagnolo. e hanno investito in questo torneo con l’obiettivo di aiutare il nostro sport e sperando di vedere la più grande presenza spagnola possibile, quindi immaginiamo che condividano la nostra delusione e speriamo che anche loro la esprimano. Riteniamo sia molto importante comunicare quanto siamo tristi di non poter giocare nel nostro paese e condividere la situazione in cui abbiamo perso questa opportunità. Un grande grazie a tutti voi che ci avete chiesto e mostrato il vostro sostegno da quando avete visto questa notizia”.

Il tennista madrileno ha anche pubblicato sui suoi social la lista degli invitati del torneo. “Molti di voi mi hanno chiesto chi fosse il jolly al Mutua de Madrid, eccolo qui”, in un messaggio sono elencati i nomi dei tennisti che hanno accettato l’invito a giocare il tavolo finale maschile e femminile e il preliminare maschile e femminile, dove al tavolo finale maschile è apparso solo il nome di Carlos Gimeno, ma nessun giocatore spagnolo tra le invitate al tavolo finale femminile e solo una spagnola (Jessica Bouzas) tra le tenniste invitate al tavolo precedente. Alejandro Moro, Dani Rincón e Dani Mérida sono altri tre tennisti spagnoli che hanno ricevuto inviti a giocare nelle qualificazioni maschili.

IMG, dietro l’invito

Il motivo principale per cui questo invito è stato dato a tennisti che non sono spagnoli è perché l’inclusione delle istituzioni rappresentative dell’IMG come uno dei proprietari del torneo. In questo modo, la maggior parte degli inviti va ai tennisti che rappresentano per cercare di promuovere i giocatori che hanno nel loro portfolio.molti di loro giovani promettenti tennis.

Una politica che Si è visto anche in altri tornei in cui è di proprietà di IMG, come il Miami Masters 1.000, dove giocatori di tennis come Rafa Nadal, Paula Badosa e Carlos Alcaraz Hanno debuttato con un invito dopo aver ricevuto il supporto dell’agenzia.

Badosa sostiene le parole di Verdasco: “Che tristezza vedere una cosa del genere”

Le critiche di Verdasco sono arrivate alle orecchie della numero 3 del mondo, la spagnola Paula Badosache mostra il suo sostegno a Verdasco prima di questa affermazione. “È molto triste vedere qualcosa del genere per il tennis spagnolo. In quel momento c’è molto potenziale. Un anno fa sono entrato nel torneo su invito e ho fatto uno dei migliori tornei della mia carriera. Un torneo a cui parteciperò Non dimenticare mai grazie per l’invito Questa è una grande opportunità per tuttied è un peccato che nell’unico torneo che abbiamo a questo livello, questo accada… Dobbiamo dare ai nostri tennisti la possibilità di continuare a migliorare.

Una risposta che lo stesso Verdasco ha celebrato sui suoi social, ringraziando Badosa per il suo coinvolgimento. “Grazie Paula Badosa!! Apprezziamo il supporto di qualcuno che, anche se non è danneggiato (cosa che di solito non sembra molto in questo sport egoistico) sta ancora cercando il bene del tennis spagnolo!!”

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.