virale | La spettacolare storia di un maratoneta italiano che si è perso per 9 giorni nel deserto del Sahara | Mauro Prosperi | Maratona dei Sables | nda nnni | SPORT

Ogni anno in Marocco si tiene la Marathon des Sables, una delle gare più dure al mondo: 250 chilometri sotto il sole cocente nel deserto del Sahara. Prima della partenza, gli atleti hanno firmato un documento specificando il luogo in cui vorrebbero essere sepolti in caso di morte. I rischi erano così grandi che perdere la vita era visto come un’altra possibilità.

Quando Mauro Prosperi partecipò alla Marathon des Sables nel 1994, conosceva già tutte queste informazioni: stava affrontando le corse come una sfida nella sua vita. A differenza di altri partecipanti che si accontentavano di tagliare il traguardo, è andato lì determinato a vincere. “Mia moglie pensa che io sia matto”ha detto alla BBC.

ALTRO | La storia di Adiaratou Iglesias, il corridore che ha vinto medaglie indipendentemente dalla pista o dal traguardo

Attualmente, circa 1.300 atleti si iscrivono alla Marathon des Sables. Nell’edizione 1994 hanno partecipato solo 134 atleti. “Ora non possono perdersi se ci provano, ma io sono solo la maggior parte del tempo”spiega ai corridori una delle gare più dure del mondo.

Nei primi tre giorni Prosperi ha preso fiducia nel deserto: alla fine di ogni tappa è sempre stato primo. “Nel quarto giorno, durante la fase più lunga e difficile della gara, le cose si sono complicate. Quando siamo partiti, c’era già un po’ di vento. Dopo aver superato quattro posti di blocco, sono entrato nell’area delle dune. Sono solo. Il corridore di ritmo ha precedutoraccontare.

Perso nel Sahara

Durante il giorno la temperatura nel deserto marocchino già oltre i 45ºC. Fu allora che scoppiò una tempesta di sabbia che lo rese invisibile per diverse ore. “Sono cieco, non riesco a respirare. Ho sentito una sferza di sabbia sul viso, era come una tempesta di aghi”contato.

Quando si è calmato, era così stanco che ha deciso di prendersi una pausa senza finire la tappa. Quando si è svegliato, non sapeva dove fosse. Anche se continuava a sperare di trovare presto qualcuno dell’organizzazione, il tempo passò e vide solo le dune di sabbia circostanti. A quel tempo gli era rimasta solo mezza bottiglia d’acqua. Disperato, iniziò a urinare dentro per averne una di riserva.

Prosperi ha anche ricordato i momenti difficili in cui ha preso la difficile decisione di togliersi la vita tagliandosi le vene, pensando che sarebbe successo. modo per porre fine alla sofferenza in modo semplice. “Mi sono tagliato il polso di notte, l’ho fatto per non soffrire. Tuttavia, mi sono svegliato la mattina ed ero ancora vivo. Dio aveva altri progetti per me, ho pensato: Mauro è forte!”notificato .

Man mano che Prosperi continuava ad avanzare attraverso il deserto, continuò ad affrontare sempre più difficoltà. Ci sono mine antiuomo e mine anti-veicolo che rendono difficile la strada”. Ricordò anche come per un momento avesse sperato di essere salvato. “Passa un aereo

ed io, credevo mi avesse visto e che si fosse salvato, ma non lo era e se ne andò”disse.

Riappare in Algeria

Ha inoltre spiegato quanto sia stata sorprendente la sua ricomparsa in Algeria. “Ho trovato una fattoria, c’era una piccola pastorella che è rimasta sorpresa di vedermi e aveva paura di chiedere chi fosse quell’uomo?”contato.

Dopo oltre 20 anni di esperienza e aver vinto addirittura una medaglia nel 2017, non mollare mai l’atleta e voleva finire quello che aveva iniziato un giorno alla Marathon des Sables.

Secondo i criteri

Saperne di più

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.