Volta a Catalunya: Sonny Colbrelli sarà operato per installare defibrillatore automatico | Sport

Sonny Colbrelli vuole andare a casa. Dopo tre giorni all’Azienda Ospedaliera Universitaria di Girona, dove si è sottoposto a vari esami cardiorespiratori che non hanno chiarito l’origine dell’aritmia, il 31enne ciclista italiano volerà nelle prossime ore a Padova per essere curato dal team . dal dott. Domenico Corrado, secondo quanto detto La Gazzetta dello Sport. Corrado è uno specialista in cardiomiopatia aritmogena, un difetto ventricolare che ha causato la morte del capitano della Fiorentina Davide Astori nel 2018. Colbrelli, uscito dopo aver tagliato il traguardo nella prima tappa della Volta a Catalunya, ha problemi di bronchite che gli hanno impedito di partire a Milano-Sanremo una settimana fa.

Ramón Brugada, primario di Cardiologia all’ospedale di Girona, cura l’italiano da quando è stato ricoverato lunedì scorso. Colbrelli è ottimista e di buon umore. Sdraiata a letto, condivide tutti i segni di affetto che riceve sui social network. Sei fortunato a poterlo dire. “A Padova Sonny ha dovuto prendere una decisione importante. Deve scegliere quale defibrillatore impiantare, e poi con la sua famiglia, i medici e il team, devono capire cosa fare con la bici”, ha detto Brugada.

Il motivo è semplice. Se non avesse avuto l’aiuto di un medico e, soprattutto, di un defibrillatore al momento dell’aritmia, l’italiano sarebbe potuto morire sul colpo. Ciò è stato confermato questa settimana Giornali catalani lex Flor, il medico di Volta che ha salvato la vita agli italiani con un defibrillatore al traguardo di Sant Feliu de Guixols.

Flor ha confermato che, immerso nella tensione del momento, Colbrelli ha risposto positivamente al primo lancio del dispositivo: “Per fortuna abbiamo agito abbastanza velocemente”. In arresto cardiaco, il tempo di azione è di 10 minuti, secondo gli esperti. Ogni minuto di ritardo presuppone un 10% in meno di possibilità di resuscitare la persona colpita.

Il defibrillatore automatico Colbrelli impianta, chiamato anche defibrillatore cardioverter impiantabile (ICD), è un piccolo dispositivo alimentato a batteria che viene posizionato sul torace per monitorare il ritmo cardiaco e rilevare battiti cardiaci irregolari. In caso di rilevamento di un’anomalia, il dispositivo può invertirla automaticamente tramite una scarica elettrica.

Si tratta dello stesso dispositivo che è stato impiantato a Christian Eriksen, il calciatore danese che, all’età di 29 anni, ha subito un infarto simile a quello di Colbrelli durante una partita dell’ultimo Campionato Europeo. Otto mesi dopo la sua caduta, Eriksen è tornato a giocare per il Brentford. Il danese è stato convocato di nuovo questa settimana per sua scelta, 10 mesi dopo l’incidente.

Anche così, è troppo presto per sapere se Colbrelli sarà in grado di seguire le orme di Eriksen. Luis Serratosa, medico sportivo della Clinica Quirón, avverte che l’impianto di un defibrillatore automatico in Italia non garantisce che gareggerà di nuovo: “Non sarà facile”. Infatti, nell’elenco dei centri sportivi che gareggiano con i defibrillatori, non compare nessun ciclista.

Per Brugada l’importante adesso è non rimettersi in strada: “Non mi interessano le squadre, i soldi, le professioni o le attività sportive. Penso solo alla salute. Colbrelli è stato molto fortunato e si è salvato, ma ha 31 anni e ha una lunga vita davanti a sé con le persone che ama”. Il professore assicura che una decisione difficile attende Colbrelli nei prossimi giorni, ma crede di “essere in ottime mani”.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES all’indirizzo Facebook Voi Indonesiaoppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.