Italia: contributo del 10% agli utili delle società energetiche per finanziare il pacchetto di azioni

Per finanziare a pacchetto d’azione di 4,4 miliardi di EUR (4,9 miliardi di dollari) per proteggere i consumatori e le imprese dall’aumento dei prezzi.

Verrà conteggiato il contributo sulla base degli aumenti degli utili dichiarati dalle società energetiche tra ottobre 2021 e marzo 2022, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Le aziende che segnalano aumenti di 5 milioni di euro o più dovranno affrontare un prelievo del 10%, secondo una bozza di decisione vista da Bloomberg News.

Il gettito fiscale consentirà al governo di finanziare le nuove misure annunciate venerdì senza ampliare ulteriormente il deficit di bilancio del Paese.

“La maggior parte delle nuove misure non sarà finanziata dal bilancio statale, ma dalle compagnie energetiche”, ha dichiarato venerdì il premier Mario Draghi in una conferenza stampa di presentazione del piano.

L’Italia importa circa il 40% del proprio consumo totale di gas dalla Russia e, come molti altri paesi europei, alle prese con l’aumento dei costi energetici dopo l’invasione russa dell’Ucraina che ha portato a un nuovo aumento dei prezzi del gas. Roma ha stanziato oltre 16 miliardi di euro per mitigare l’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia dello scorso anno.

“Tassiamo una parte degli enormi profitti che i produttori realizzano grazie ai maggiori costi delle materie prime e ridistribuiamo questi fondi alle aziende e alle famiglie in difficoltà”, ha affermato Draghi.



Segui ogni giorno su Google News!

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.