Affermazioni di Ancelotti e Pochettino su Mbappe

Insieme a Real Madrid a un solo punto dalla conquista del suo 35esimo scudetto, Carlo Ancelotti venerdì si è dichiarato “superstizioso” in conferenza stampa prima della sfida della 34^ giornata contro l’Espanyol, senza commentare il possibile titolo e facendo riferimento all’arrivo del francese. Kylian Mbappé.

Leggi anche: Decisione presa?: Kylian Mbappe sul suo futuro calcistico

“Posso dire onestamente che non mi piace parlare di questo perché non ci sono riuscito e in questo sono scaramantico, come quasi tutti gli italiani e come molti spagnoli”, ha ammesso Ancelotti alla domanda sulla vittoria del campionato. .

“Siamo consapevoli che siamo molto vicini alla conquista del titolo e dobbiamo fare punti in questa partita perché il campionato non è finito. Vogliamo finirlo domani (sabato)”, ha aggiunto.

Per Real Madrid un pareggio o una vittoria gli è bastata per dichiararsi campione di Spagna a quattro date dalla fine del campionato.

“Pensiamo solo alla partita di domani e se dovremo festeggiarla lo faremo, come gli altri. Finora non abbiamo preparato nulla per la festa, pensiamo solo a vincere la partita”, ha convinto il tecnico italiano.

Leggi anche: Il PSG torna a parlare di Mbappe e del suo futuro

Ancelotti sul commento di Pochettino su Mbappe

Allenatore da Paris SG Mauricio Pochettinosu chi ci sono voci sulla partenza, tagliando le speculazioni giovedì stimando una probabilità “100%” che lui e l’attaccante Kylian Mbappé resta con la squadra la prossima stagione.

Tuttavia, l’allenatore italiano, interrogato sulla dichiarazione del collega, ha avuto una reazione particolare e ha aperto le porte al possibile arrivo del francese.

L’allenatore in conferenza stampa non poteva dire la verità. Questo è abbastanza normale. Penso che i madridisti stiano pensando a due cose in questo momento: vincere domani e vincere mercoledì. Noi come staff tecnico e come giocatori penso solo a questo”.


Per questa partita contro l’Espanyol, che si giocherà quattro giorni prima del ritorno della semifinale di Champions League (persa 4-3 all’andata) contro il Manchester City mercoledì al Bernabéu, Ancelotti Ha assicurato che avrebbe formato “una squadra per vincere la partita” e non avrebbe fatto riposare i titolari.

Abbiamo avuto problemi in fase difensiva perché non c’erano né Alaba, né Nacho né Militao. Metterei Vallejo, che ha giocato poco, ma è un professionista serio. Casemiro, rientrato dall’infortunio, può giocare con lui come difensore centrale. , ma ho nuovi giocatori come Camavinga e Ceballos, che stanno già facendo bene e sono fiduciosi”, ha concluso Ancelotti.

Leggi anche: Il PSG ha incoronato il campionato francese

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.