Dopo la scissione, i Cinque Stelle d’Italia sono impotenti: la politica

Beppe Grillo ha posticipato la sua trasferta a Roma alla prossima settimana. Ogni volta che si diceva che il fondatore e “garante” delle Cinque Stelle sarebbe venuto a Roma dalla sua Genova, voleva dire che c’era grande bisogno, che bisognava fare un accordo, che il partito aveva bisogno della smisurata saggezza di un comico. Almeno così la vedono i suoi seguaci, non senza ragione griglia al telefono. Ma ora che Grillo aveva bisogno di tempo per raccogliere i suoi pensieri, era successo qualcosa di oltraggioso.

Luigi Di Maio, uno dei suoi allievi preferiti, ha lasciato il partito e ne ha fondato uno nuovo. Si chiama “Insieme per il futuro”: Insieme per il futuro. Cinque stelle, ha detto il ministro degli Esteri italiano, non hanno più futuro in loro. Per semplicità alcuni media hanno già chiamato il popolo di Di Maio futuristico. La rottura è stata un duro colpo, se non del tutto scioccante, per la mossa. Dalla sua fondazione nel 2009, il partito ha vissuto molte turbolenze, ma nessuna vera divisione.

Di Maio ha portato con sé un gruppo di legislatori: si dice che ci siano 51 parlamentari e undici senatori, con più probabilità di essere aggiunti nelle prossime settimane. Il risultato: Cinque Stelle, vincitore delle elezioni parlamentari del 2018 con il 33 per cento dei voti, non è più il più grande partito in parlamento. La Lega populista di destra ha più seggi nel DPR di quanti ne abbia. I numeri: all’inizio dell’attuale legislatura, i Cinque Stelle contavano 227 parlamentari – dopo dimissioni, licenziamenti e scissioni, erano ancora 104; al Senato erano 112, ora 61. Di Maio ha anche ritirato dal partito una mezza dozzina di segretari di Stato, viceministri e ministri, compreso lui, oltre al presidente della commissione.

Giuseppe Conte è un grande perdente

Lo spargimento di sangue per Giuseppe Conte, il nuovo presidente del partito, è stato agrodolce: è rimasto lì da perdente. La sua leva del potere ha perso improvvisamente gran parte del suo effetto. L’entourage di Conte ha insistito sul fatto che il “Presidente”, come lo hanno chiamato da quando è diventato presidente del Consiglio del Paese, fosse “calmo e calmo” perché da tempo considerava Di Maio una “zavorra”. Ma è successo davvero?

Conte sembra sempre essere controllato a distanza dai tiratori del partito, che a volte gli consigliano di fare questo o quello per portare il Cinque Stelle fuori dai minimi drammatici dei sondaggi. Alla fine, sembra spesso irregolare e confuso. Ad esempio, i suoi tentativi di correggere la linea di politica estera del governo sulla guerra in Ucraina – o almeno le pratiche ei processi decisionali coinvolti nell’invio di armi a Kiev – sono guidati dalla disperazione per il fatto che finora nulla ha funzionato. Anche Conte ha fallito nel complesso. Personalmente, ha perso gran parte del fascino e della benevolenza guadagnati attraverso il governo persistente nella prima fase della pandemia. Nessun progresso con Conte, operazione fallita.

La domanda ora era cosa volesse fare con il partito troncato. Li manterrà nella coalizione di unità nazionale, come sembra a prima vista? O presto si prenderà una pausa per cambiare profilo?

Probabilmente dovrebbe parlarne con Grillo quando soggiorna in un normale albergo vicino ai Fori Imperiali e tiene la corte. Anche la personalità dello stesso leader del partito deve essere un problema. Conte fin dall’inizio è emerso come capofila dell’ortodossia di partito, movimento ecologico primordiale critico nei confronti del sistema. In quanto cristiano-democratico di sinistra con stretti legami con il Vaticano, non poteva competere. Il suo stile, modaiolo e retorico, contrasta anche con l’habitus delle Cinque Stelle. È la persona giusta per voltarsi un anno prima delle elezioni?

Sta arrivando “Che Guevara di Roma Nord”?

Molti credono che la partecipazione al potere abbia cambiato natura. Il loro legittimo posto, ora e per sempre, è in opposizione – contro l’élite, la casta, il sistema. Modello familiare. Solo un ritorno alla vecchia anima, dicono, offre una possibilità di sopravvivenza. E per questo pochi si sono affidati all’uomo ancora infantile che negli ultimi anni avrebbe preferito girare il mondo e scrivere reportage piuttosto che condividere il potere: ride Alessandro Di Battista, detto anche “Dibba” e come “Che Guevara di Roma Nord”. , 43 anni.

È considerato dalla sua famiglia puro, puro e anche inutilizzato. Di Battista è qualcosa come i gemelli ribelli Di Maio, un po’ chiassosi alla festa, per molto tempo sono stati cuore e anima. Ora Dibba dice che Di Maio ha “tradito spietatamente” il suo partito. Questo è il tono, stridulo e diretto. Molti griglia lo aspetto anche io.

Jolanda Russo

"Datopato di Internet. Orgoglioso evangelista della cultura pop. Studioso di Twitter. Amico degli animali ovunque. Comunicatore malvagio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.