Due partiti italiani per formare la nuova coalizione guidata da Conte




CTK

Aggiornato 28 agosto 2019 21:49

Il Partito politico italiano Movimento Cinque Stelle (M5S) e il Partito Democratico (PD) hanno deciso di formare un governo di coalizione. È guidato dall’attuale presidente del Consiglio apartitico Giuseppe Conte. Lo ha detto ai giornalisti il ​​capo del M5S Luigi di Maio dopo i colloqui con il presidente Sergio Mattarella. Il leader del PD Nicola Zingaretti ha confermato l’accordo nel pomeriggio. Giovedì mattina Conte dovrebbe venire dal presidente, che secondo l’Ansa potrebbe affidargli la formazione del governo.

Il Movimento Cinque Stelle e il Partito Democratico erano rivali politici nella precedente legislatura e molti membri del M5S che sono entrati sulla scena politica come movimento di protesta antisistema vedono ancora il PD come un simbolo dell’establishment corrotto. Ma ora entrambi i partiti, che hanno la maggioranza in entrambe le camere del parlamento, hanno deciso di impedire elezioni anticipate. Secondo i sondaggi, potrebbe vincere il partito nazionalista di destra, la Lega Mattea Salvini.

Ma ora entrambi i partiti, che hanno la maggioranza in entrambe le camere del parlamento, hanno deciso di impedire elezioni anticipate. Secondo i sondaggi, potrebbe vincere il partito nazionalista di destra, la Lega Mattea Salvini.

Con la Lega, il M5S governa dallo scorso giugno, ma questo mese la loro coalizione si è sciolta. Il motivo erano i disaccordi e i tentativi di Salvini di sfruttare la crescente popolarità del suo partito nelle elezioni anticipate. Pertanto Salvini ha presentato il 9 agosto una mozione di sfiducia al governo. Tuttavia, la votazione non era all’ordine del giorno. Lo stesso Conte si è dimesso la scorsa settimana ed è stato nominato dal presidente a capo del gabinetto ad interim.

Di Maio ha detto mercoledì dopo i colloqui con il presidente che Conte era la “garanzia” dell’attuazione delle politiche concordate da entrambe le parti della nuova coalizione. Ha aggiunto che la sinistra e la destra erano categorie “obsolete” e che il suo partito era “postideologico”. Di Maio ha anche affermato, riferendosi al tweet del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di martedì, che il sostegno di Trump a Conte mostra che “questa strada è la strada giusta”.

Trump ha sostenuto l’avvocato 55enne di Conte, che, secondo gli analisti, era diventato un attore chiave della scena politica italiana il mese scorso da un politico poco brillante, sostenendo Trump martedì. Conte è “un uomo di grande talento”, ha detto Trump, esprimendo la speranza che rimanga primo ministro.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.