F1: Non c’è mai pace per la Ferrari: “Smettetela di inventare, ragazzi!” | Sport

Gli italiani che ci passano più tempo Prato dalla Formula 1, che le avventure e le disavventure della Ferrari ai Mondiali hanno una rilevanza simile alle informazioni relative al Vaticano e Nazionale, la nazionale di calcio. Sicuramente è per questo che è così difficile avere la pace squadra. Anche questa domenica, in una giornata storica per il brand Cavallino RampanteL’equipaggio di Maranello può festeggiarlo incondizionatamente.

Carlos Sainz ha debuttato a Silverstone con il suo record di vittorie consecutive nella gara dei 150 Gran Premi, un colpo che ha anche permesso alla Ferrari di battere il record di sei vittorie consecutive della Red Bull. Tuttavia, i membri del dipartimento di strategia hanno realizzato ciò che sembrava impossibile: che Sainz ha tagliato il traguardo vittorioso, ma con le mosche dietro le orecchie a causa degli ordini che gli avevano dato dal muro, e che Charles Leclerc, la sua officina vicina, ha chiesto pubblicamente una revisione della decisione, sentirsi danneggiato. Potrebbero avere in parte ragione.

A parte l’orribile caduta di Guanyu Zhou, che ha costretto la gara a fermarsi per più di 50 minuti e a considerare una seconda partenza fuori dalla griglia, il momento chiave della gara è arrivato a seguito di un guasto all’Alpine Esteban Ocon, che costretto gli assistenti di volo a rinunciare alla safety car a 12 giri dalla fine. La Ferrari ha preso il comando con Leclerc e Sainz, mentre Lewis Hamilton si è avvicinato al madrileno, staccato di meno di tre secondi. In quel momento, l’ingegnere strutturale italiano decise di chiamare lo spagnolo per sostituire il set di pneumatici duri e usati che utilizzava il suo prototipo, con quelli nuovi e morbidi. E la stessa cosa che ha fatto la Mercedes con Hamilton. Alla Ferrari allora pensavano che fare doppie soste in così poco tempo fosse troppo rischioso, perché se Hamilton fosse rimasto in pista ne avrebbe preso il posto.

Quando Sainz e l’inglese si sono riorganizzati, non solo hanno mantenuto rispettivamente la seconda e la terza posizione, ma sono anche riusciti a raggiungere il leader. Ha lasciato Leclerc completamente esposto, senza possibilità di difendersi dall’assalto di due rivali che guidavano un’auto più veloce della sua. Proprio in quel momento, pochi metri prima sicurezza e la prova si è ridotta a uno sprint di appena dieci giri, sono emerse tutte le condizioni che hanno attanagliato la Ferrari; che, ad esempio, non ha avuto assolutamente alcuna influenza sulla politica interna della Red Bull, che ha sempre saputo benissimo cosa stesse giocando.

“Ho perso tempo”

Nel disperato tentativo di proteggere Leclerc, Riccardo Adami, l’ingegnere di pista di Sainz, ha chiesto al suo pilota di lasciare un distacco di dieci vetture davanti a lui e persino al suo compagno. “Sono sotto pressione da Hamilton, ragazzi, smettetela di inventare!”, ha risposto il corridore, rendendosi conto che questa manovra aveva un tocco harakiri, rischiando seriamente la vittoria in maglia rossa.

A gara conclusa per Sainz, e con Checo Pérez e Hamilton sul podio con lui, una delle immagini più accattivanti è stata la predica che Mattia Binotto, direttore della Ferrari, ha fatto a Leclerc, arrivato quarto, non appena come è caduto da F1-75-suo. “Voglio andare oltre e avere una visione completa prima di dare un parere”, ha detto il monegasco, che pur ammettendo di essersi sentito imperfetto nelle prime fasi, dove era più veloce del suo compagno, ma è rimasto dietro di lui, in attesa. che il suo capo gli desse il via libera. “Ovviamente, all’inizio mi sentivo davvero forte e perdevo tempo [detrás de Sainz]. Se questo avrà un impatto diretto sui risultati? Non credo, ma è qualcosa che dobbiamo controllare con lungimiranza”, ha riflettuto Lecler, in un chiaro messaggio alla leadership.

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook voi Twitteroppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.