Giorno 68: Belgorod russo scuote esplosioni, missili russi colpiscono Odessa, Israele convoca ambasciatore russo

Una rapida panoramica degli eventi di lunedì:

Da diversi giorni arrivano notizie di presunti attacchi delle forze ucraine contro obiettivi in ​​Russia. Domenica nella zona di Belgorod ha preso fuoco un’area militare. Una persona è rimasta leggermente ferita, ha riferito il governatore Gladkov sui social network. Un deposito di munizioni ha preso fuoco nella stessa zona questa settimana.

Nella vicina regione di Kursk, che confina anche con l’Ucraina, domenica un ponte ferroviario è parzialmente crollato. Questa linea è ampiamente utilizzata dai treni merci. Secondo il governatore di Kursk Roman Starovojtov, si trattava di un sabotaggio.

Le truppe russe hanno continuato a bombardare l’acciaieria Azovstal subito dopo aver evacuato diversi civili nascosti nell’ultima roccaforte ucraina di Mariupol, in Ucraina, riporta la verità sul suo sito web, riferendosi al comandante della 12a brigata della Guardia nazionale ucraina, Denys Sleh. La ripresa è stata confermata anche da un consigliere del sindaco di Mariupol, Petro Andryushchenko.

La situazione del complesso metallurgico, che resta l’ultima parte di Mariupol ancora vuota di truppe russe, è attualmente una delle più preoccupate dell’intero conflitto. Si stima che circa 2.000 combattenti ucraini e fino a 1.000 civili si nascondano in una rete di tunnel sotto l’acciaieria. Secondo Kiev, circa 500 soldati sono rimasti feriti.

La Russia ha schierato circa due terzi di tutte le sue forze di terra dall’invasione dell’Ucraina, ha affermato oggi il Dipartimento della Difesa del Regno Unito, citando l’intelligence. Nell’Ucraina orientale, le truppe russe stanno continuando la loro offensiva da Izjum nella regione di Kharkiv a Slovyansk e Barvinovka, e nel sud si stanno concentrando sul miglioramento delle loro posizioni nella regione di Kherson, ha detto oggi lo stato maggiore dell’esercito ucraino in una normale mattinata rapporto pubblicato su Facebook. Secondo RIA Novosti, la parte russa ha riferito oggi dell’abbattimento di un altro caccia MiG-29 ucraino.

Israele ha convocato l’ambasciatore russo per le dichiarazioni del capo della diplomazia russa Sergei Lavrov sulle origini ebraiche di Adolf Hitler. Il ministro degli Esteri israeliano Jair Lapid ha affermato che Israele si aspettava delle scuse dalla Russia, hanno affermato gli organismi mondiali. Lavrov ha detto in un’intervista alla televisione italiana che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, come Hitler, aveva sangue ebreo in lui e che i “più grandi antisemiti” erano ebrei. Un rappresentante del Memoriale dell’Olocausto di Israele, Yad Vashem, ha affermato che Lavrov ha trasformato le vittime in criminali.

Il porto di Odessa, nel sud dell’Ucraina, è stato colpito da un missile russo questa sera e, secondo il governatore regionale Maksym Marchenko, l’attacco ha provocato vittime e danni. Secondo le informazioni preliminari, un ragazzo di 13 anni è morto, ha scritto l’agenzia di Unian. Oggi, per la terza volta nell’ultima settimana, le truppe russe hanno aperto il fuoco su un ponte strategico nell’Ucraina meridionale attraverso l’estuario del Dniester fino al Mar Nero. Secondo il sito web della verità ucraina, un portavoce dell’amministrazione militare della città lo ha informato.

“Il nemico ha lanciato missili contro una delle infrastrutture di Odessa. Sfortunatamente, sono stati uccisi e feriti”, ha scritto Marchenko su Internet. Secondo il deputato ucraino Oleksiy Honcarenko, una ragazza di 18 anni è rimasta ferita nell’attacco quella notte. Interfax Ukraine ha affermato che al momento dell’intervento c’erano cinque persone nell’edificio residenziale e l’esplosione ha danneggiato finestre, pareti e tetto di una vicina chiesa ortodossa.

Alcuni politici italiani si sono indignati per l’intervista al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, trasmessa da Rete 4. Il canale appartiene al gruppo mediatico Mediaset, il cui principale azionista è la famiglia dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. I politici dei partiti di sinistra sono i principali critici, mentre i rappresentanti del movimento populista Cinque Stelle e alcuni di destra sono stati piuttosto silenziosi nel parlare, riporta oggi il quotidiano La Repubblica. I gruppi di media hanno respinto le affermazioni di Lavrov, ma erano dietro la trasmissione.

Gli Stati Uniti hanno rapporti di intelligence “molto credibili” secondo cui Mosca cercherà presto di annettere parti dell’Ucraina orientale, ha detto oggi ai giornalisti Michael Carpenter, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). A metà maggio è prevista l’annessione alla Russia delle due cosiddette Repubbliche popolari proclamate nel Donbas. Secondo Carpenter, Mosca ha le stesse intenzioni della regione di Kherson nell’Ucraina meridionale.

Trasmissione in linea:

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.