Il politico italiano Salvini affronta le critiche per aver incontrato l’ambasciatore russo

L’ex ministro dell’Interno italiano e capo del partito al governo della Lega, Matteo Salvini, è stato criticato per aver incontrato l’ambasciatore russo a Roma dopo l’inizio della guerra in Ucraina. Dal 24 febbraio, Domani ha incontrato Sergey Razov quattro volte, ha scoperto il giornale.

Salvini ha difeso che era necessario “parlare con molti ambasciatori e governi” per raggiungere la pace, ha riferito l’Afp.

Secondo il quotidiano Domani, Salvini ha cenato con Razov il 1 marzo e poi ha incontrato l’ambasciatore russo in altre tre occasioni. L’incontro è stato confermato dalla diplomazia russa, afferma il giornale. Salvini non ha informato dell’incontro il presidente del Consiglio Mario Draghi né il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Le critiche di alcuni partner di governo sono state anche mosse dai media secondo cui Salvini stava valutando un viaggio a Mosca. Secondo lui, avrebbe dovuto incontrarsi lì con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. “Cercheremo di ottenere lo stesso risultato al telefono”, ha detto il boss della Lega in risposta alle critiche sulla trasferta programmata, cosa che alla fine non farà. In seguito ha definito la riserva “linciaggio dei media”.

Prima della guerra in Ucraina, Salvini e la Lega intrattenevano stretti rapporti con la Russia. Salvini si è espresso più volte a favore dell’indebolimento delle sanzioni imposte alla Russia dopo l’occupazione della penisola ucraina della Crimea nel 2014. Nel 2015 ha detto che avrebbe scambiato “due (il presidente italiano Sergio) Mattarella con metà (il presidente russo Vladimir)”. Il presidente della Lega, che ha firmato un contratto con il partito Russia Unita al governo, nega di avere un’eccessiva simpatia per il Cremlino. (ČTK)

Adriana Femia

"Evangelista zombi malvagio. Esperto di pancetta. Fanatico dell'alcol. Aspirante pensatore. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.