Il sindaco di Melitopolis ha descritto le ore di interrogatorio “duro” da parte dei russi…

Il sindaco ucraino della città ucraina di Melitopol, ora sotto il controllo russo, ha descritto ore di interrogatorio “duro” durante la sua detenzione di una settimana da parte delle truppe russe il mese scorso e ha invitato il papa ad aiutare a porre fine alla guerra che ha distrutto metà della sua città . .

“Sono sei giorni pericolosi perché mi sono reso conto che per la Russia la mia vita e quella dei civili non hanno alcun valore”, ha detto Ivan Fedorov, sindaco della città dell’Ucraina meridionale, in un’intervista a Roma un mese dopo il suo rilascio.

Kiev ha detto che Fedorov è stato rapito l’11 marzo dopo che le truppe russe hanno occupato Melitopol, a ovest della città assediata di Mariupol, nel sud controllato dalla Russia. Kiev ha annunciato il rilascio di Fedorov in uno scambio di prigionieri il 16 marzo.

Mosca, che ha definito la sua invasione militare dell’Ucraina una “operazione militare speciale”, non ha commentato la detenzione del sindaco o lo scambio di prigionieri annunciato dall’Ucraina.

Fedorov, che sabato ha incontrato papa Francesco e il primo ministro vaticano cardinale Pietro Parolin prima di partecipare a una funzione cattolica di Pasqua, ha affermato di aver chiesto al Vaticano di mediare con il presidente russo Vladimir Putin su Mariupol, che sta affrontando un attentato catastrofico.

Descrivendo la sua detenzione da parte delle truppe russe presso la stazione di polizia di Melitopol, Fedorov ha detto: “Sono venuti da me nel cuore della notte con cinque o sette soldati e hanno parlato per circa quattro o cinque ore, con dialoghi ad alta voce”.

“Vogliono dare l’esempio attraverso di me di cosa accadrà se non siamo d’accordo con ciò che vuole la Russia”, ha detto il sindaco a Reuters e al quotidiano italiano Il Messaggero, dicendo di aver subito torture “psicologiche” ma non fisiche.

“I soldati russi pensavano che sarebbero stati i benvenuti, ma non è successo… ed è per questo che la Russia è così, così arrabbiata”, ha detto domenica sera.

“Non c’è cibo nella mia città. Non c’è farmacia. Metà della mia città è stata distrutta. Più di 200 persone sono state rapite. Non è sicuro camminare per le strade”, ha detto.

L’occupazione di Melitopol, Mariupol e della costa meridionale darebbe alle truppe russe un collegamento di terra tra i separatisti filo-russi nell’Ucraina orientale e la Crimea, che Mosca ha annesso nel 2014. La Russia afferma di essere vicina al controllo di Mariupol.

Fedorov, che dice di rimanere in contatto regolare con il popolo di Melitopol, ha sottolineato di aver invitato il papa a visitare l’Ucraina perché “forse può fermare questa guerra”.

Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha convocato il papa, impegnandosi a garantire la sua sicurezza.

Il capo della Chiesa cattolica romana ha criticato silenziosamente la Russia, chiedendo la fine della guerra con aggressioni e invasioni non provocate. Rivolgendosi a Fedorov e ad altri ucraini la vigilia di Pasqua, il papa ha detto: “Rilassati, siamo con te”.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.