Il tribunale italiano conferma la condanna a nove anni di carcere di Robinho per aver violentato una donna | Sport

Robinho, durante un’amichevole tra Brasile e Argentina svoltasi a Londra nel 2006, sette anni prima dello stupro per il quale era stato condannato.Michael Regan (Azione)

Il calciatore Robinho, che gioca per Milan, Real Madrid o Santos Brasil, ha completato tutti i ricorsi contro una sentenza che lo ha condannato a nove anni di carcere per aver violentato una donna a Milano nel 2013. Il verdetto contro Robson de Souza, conosciuto professionalmente come Robinho, 37, è stato confermato questo mercoledì dal tribunale italiano, la Corte di Cassazione, e la decisione è definitiva, riferisce Efe. Non si sa se sconterà la pena emessa nel 2017 e inizialmente confermata nel 2020. La costituzione del Brasile vieta l’estradizione dei suoi cittadini, secondo la stampa brasiliana, che ha aggiunto che un tribunale italiano potrebbe chiedergli di entrare in una prigione brasiliana.

Il giocatore non ha partecipato al processo e, secondo il quotidiano O palloncini, è in patria. Il verdetto è caduto anche sul secondo imputato, Ricardo Falco, amico dell’attaccante. L’avvocato della vittima, che dopo l’udienza ha ricordato che 15 giudici italiani avevano ritenuto provate le accuse, aveva spiegato quello che sperava sarebbe il prossimo passo: “Il nostro desiderio è che il Brasile esegua la sentenza”, secondo Efe. Per ora i condannati restano in silenzio.

Secondo il parere di esperti legali consultati dalla stampa brasiliana, è improbabile che durante la sua permanenza nel suo Paese, che pensi alla reclusione dei propri cittadini condannati all’estero solo come misura di riparazione del danno causato o per motivi di sicurezza. “Se si tenta di entrare in Europa o in qualsiasi Paese che ha un trattato con l’Europa, l’ordine del carcere sarà eseguito”, ha spiegato il professore di diritto processuale. O palloncini.

L’attaccante ha vinto il suo titolo maggiore prima di commettere un crimine con un gruppo di connazionali. Ha vinto due coppe di confederazioni (2005-2009), una Copa América (2007), due scudetti con il Real Madrid (2007-2008), una Supercoppa Spagnola, una Supercoppa Italiana e ha vinto la Serie A con il Milan nel 2011. In precedenza giocando in Europa, ha vinto due campionati brasiliani con il Santos. Negli anni successivi all’aggressione sessuale, ha suonato in Cina e Turchia.

La donna aveva 22 anni quando è stata violentata in una discoteca del Milan dall’attaccante, allora in nazionale, e da cinque suoi amici. Quattro di loro hanno lasciato l’Italia durante le indagini e non sono mai stati identificati dal tribunale.

La vittima era un giovane albanese che vive in Italia e il 22 gennaio si trovava in una discoteca per festeggiare il suo compleanno. Il gruppo lo ha fatto ubriacare e ha abusato di lui, che era privo di sensi, negli spogliatoi, secondo le indagini, sulla base della testimonianza della vittima e dell’ascolto dei giocatori e delle altre persone coinvolte.

L’attaccante si è sempre dichiarato innocente, ma una trasmissione audio nel 2020 ha messo completamente in dubbio la sua versione: “Rido perché non mi interessa. La donna è davvero ubriaca, non sa nemmeno cosa sia successo”, ha detto nel filmato che ha pubblicato Palloncini sportivi e questo fa parte del riassunto.

Quella di Milano non è la prima volta che l’attaccante brasiliano viene indagato per molestie sessuali. Nel 2009, poco dopo essere arrivato al Manchester City, è stato interrogato come sospetto per l’aggressione sessuale di una donna in un club di Leeds. Ha negato le accuse e la polizia britannica ha deciso di non portare avanti il ​​caso.

In esclusiva per le parole di Robinho sulla notte dell’attacco che potrebbe significare la fine della sua carriera. Lo scoop nel 2020 ha frustrato la sua firma da parte del Santos, il club brasiliano dove ha iniziato la sua carriera professionale. Le proteste di membri e sponsor hanno impedito il ritorno di Robinho al club. Entrambe le parti hanno annullato il contratto che avevano firmato. Le note rilasciate in seguito prevedono che il giocatore si concentrerà sulla difesa nel caso processato in Italia. Sarà la sua quarta tappa nel club della città portuale di Santos (Stato di San Paolo), la stessa dove Pelé ha dedicato la sua carriera.

Nei quasi cinque anni trascorsi dal 2017, quando è stato condannato per la prima volta per questo stupro di gruppo, l’attaccante ha giocato per la squadra brasiliana dell’Atletico Mineiro e per due squadre in Turchia, Sivasspor e Istanbul Basaksehir.

Nella prima sentenza della causa, che è in corso di giudizio in Italia, il giudice ha rilevato “l’assoluto disprezzo” degli aggressori nei confronti della loro vittima e che hanno mostrato “segni inequivocabili di mancanza di dubbio e quasi consapevolezza di una futura impunità”.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES all’indirizzo Facebook Voi Indonesiaoppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.