Israele chiede scuse per il confronto nazista di Lavrov | libertà mediatica

Tel Aviv/Mosca.

Il paragone del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov tra i nazisti e la guerra in Ucraina ha suscitato indignazione, soprattutto in Israele.

Il governo di Gerusalemme ha chiesto scuse e lunedì il ministero degli Esteri ha convocato l’ambasciatore russo Anatoly Viktorov per un incontro. Lavrov ha anche causato orrori a Kiev e Berlino.

Domenica sera sul canale televisivo italiano Rete4, Lavrov ha ripetuto la giustificazione russa per la guerra secondo cui i nazisti stavano lavorando in Ucraina. Come contro-argomentazione, hanno detto: “Come può esserci una nazificazione quando lui (il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy) è un ebreo? Potrei sbagliarmi. Ma anche Adolf Hitler era ebreo. I più forti antisemiti sono di solito gli ebrei”.

Bennett: “La peggiore forma di razzismo contro gli ebrei”

I leader politici israeliani sono arrabbiati. Il ministro degli Esteri Jair Lapid ha parlato di “dichiarazioni di scandalo imperdonabili, un terribile errore storico”. Sono previste scuse. Il figlio di un sopravvissuto all’Olocausto dall’Ungheria ha aggiunto: “Mio nonno non ha ucciso ebrei, erano nazisti”. Ha raccomandato a Lavrov di cercare nei libri di storia. “Gli ucraini non sono nazisti. Solo i nazisti diventano nazisti. Solo coloro che effettuano lo sterminio sistematico degli ebrei”. Accusarli di antisemitismo è la peggiore forma di razzismo contro gli ebrei.

Anche il primo ministro Naftali Bennett ha condannato l’accordo di Lavrov. “Lo scopo di tali bugie è incolpare lo stesso popolo ebraico per i peggiori crimini della storia che sono stati commessi contro di lui”, ha detto. “L’abuso da parte degli ebrei della Shoah come strumento di dibattito politico deve cessare immediatamente”.

Israele ha tradizionalmente avuto buone relazioni con Russia e Ucraina. Bennett ha parlato con i capi del Cremlino Vladimir Putin e Zelenskyy in diverse occasioni da quando è iniziata la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. A marzo ha anche incontrato personalmente Putin a Mosca. Finora, Bennett ha offerto solo caute critiche alle azioni della Russia. Tuttavia, dopo l’umiliazione di Lavrov, è difficile immaginare che Israele continuerà a proporsi come mediatore.

L’Ucraina accusa Mosca di antisemitismo

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha reagito con rabbia allo sfogo antisemita di Lavrov. In un capovolgimento di carnefice e vittima, il principale diplomatico russo ha incolpato gli ebrei per i crimini nazisti, ha detto Zelenskyy in un videomessaggio a Kiev. Nessuna obiezione da Mosca.

“Tali attacchi antisemiti da parte dei loro ministri significano che la leadership russa ha dimenticato tutte le lezioni della seconda guerra mondiale, o forse non le ha mai apprese”, ha detto Zelenskyy. L’uomo di 44 anni è di origine ebraica. Se la Russia tortura gli ucraini nei campi di screening o li porta ai lavori forzati, la Russia rifiuta tutte le conquiste come vincitrice del nazismo, ha affermato.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha scritto su Twitter che le parole di Lavrov riflettevano “l’antisemitismo radicato nell’élite russa”. “Le sue osservazioni atroci hanno offeso il presidente Zelenskyy, l’Ucraina, Israele e il popolo ebraico”.

Anche il capo del memoriale israeliano dell’Olocausto Yad Vashem, Dani Dayan, ha definito le osservazioni di Lavrov “assurde, deliranti, pericolose e spregevoli”. Lavrov ha promosso “l’inversione dell’Olocausto – trasformando le vittime in criminali, diffondendo l’affermazione completamente infondata che Hitler fosse di origine ebraica”.

Accuse: capovolgimento colpevole-vittima da parte della Russia

Lo storico israeliano Ofer Aderet ha scritto sul quotidiano Haaretz che lo sfondo delle ripetute accuse di Lavrov era che il padre di Hitler, Alois, era un figlio illegittimo. “Non sappiamo chi fosse suo nonno paterno”, ha scritto Aderet. Tuttavia, non ci sono prove storiche per le affermazioni che questo nonno fosse ebreo.

Anche il portavoce del governo federale Steffen Hebestreit ha definito “assurde” le osservazioni di Lavrov. Ha detto a Berlino: “Penso che la propaganda russa portata avanti dal ministro degli Esteri Lavrov in questo caso non meriti ulteriori commenti”.

Felix Klein, il commissario all’antisemitismo del governo federale, ha dichiarato al quotidiano “Funke”: “Lavrov travisa cinicamente le vittime e gli autori della storia e del presente”. Questo è molto chiaro dal fatto che “le innumerevoli vittime della guerra di aggressione della Russia in Ucraina includono anche famiglie ebree e vittime dell’Olocausto”. Il ministro dell’Interno Nancy Faeser (SPD) ha dichiarato al quotidiano: “Le osservazioni irresistibili del signor Lavrov mostrano che la propaganda di guerra russa non si fermerà. Le parole di Lavrov sono anche uno schiaffo in faccia a tutti gli ebrei in Germania”.

Draghi critica il programma televisivo

Nel frattempo, il primo ministro italiano Mario Draghi ha criticato lo show televisivo con protagonista Lavrov. “Si parla di interviste, ma in realtà si parla di elezioni politiche”, ha detto Draghi alla domanda sul perché. In Italia, a differenza della Russia, c’è libertà di stampa e libertà di parola. Ma Draghi ha scoperto: “Bisogna chiedersi se è accettabile invitare qualcuno per un colloquio, senza alcuna argomentazione. Non è un risultato brillante, ti vengono in mente cose strane”.

Un certo numero di altri politici in precedenza ha fortemente criticato il programma. Il leader dei socialdemocratici italiani ed ex presidente del Consiglio Enrico Letta ha parlato del “burrone”.

Il gruppo televisivo Mediaset dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, proprietario di Rete4, ha difeso il programma e l’invito di Lavrov. È “il numero due della Federazione russa. L’intervista al ministro degli Esteri russo è un documento storico contemporaneo”, ha detto il direttore generale Mauro Crippa. (Dpa)

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.