Italia: Salos con intervista integrale al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov (video)

Risposta dall’Italia a ERT: Christian Mavris

Un’intervista esclusiva al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stata fornita da Rete 4, la sera di domenica 1 maggio. È l’intervista integrale, della durata di circa 45 minuti, a suscitare diverse reazioni a causa della dichiarazione del ministro degli Esteri russo.

I più rumorosi – e che ha suscitato una forte reazione nella comunità internazionale – sono quelli legati a Zelensky e al fatto che è ebreo. “Secondo me, anche Hitler era di origine ebraica, quindi non significa assolutamente nulla”, ha detto Lavrov. “Abbiamo sentito a lungo ebrei saggi dire che i più grandi antisemiti sono gli ebrei”.

Screenshot dell’evento Bianca Zone (fonte: tgcom24.mediaset.it)

Parlando dell’Italia, ha sottolineato che il Paese “è stato in prima linea tra chi ha adottato non solo le sanzioni anti-russe ma anche tutte le iniziative (contro la Russia) al riguardo. Purtroppo all’inizio è stata una sorpresa, ma ora siamo abituati a il fatto che l’Italia possa essere così (contro di noi), forse è la verità, non lo so. “Mi sembra che italiani e italiani abbiano approcci leggermente diversi al mondo e all’uguaglianza e che sappiano distinguere nero dal bianco”.

Riferendosi al recente incidente diplomatico tra Italia e Russia, Lavrov ha commentato che “non voglio qui sbagliare, alcune dichiarazioni dei politici italiani, per non parlare della stampa, superano completamente gli standard diplomatici e la buona etica giornalistica” e ha sottolineato che L’ambasciata (russa) ha inviato materiale e aperto un procedimento contro i media italiani”, sottolineando, però, che “ho buoni rapporti con il popolo italiano, questo è innegabile”.

Alla domanda sulla guerra in Ucraina, Lavrov ha detto che, in quanto Russia, “non vogliamo rovesciare Zelensky. Non miriamo a un cambio di regime a Kiev”, ha detto, aggiungendo che “questa è la specialità dell’America”. non gli ha nemmeno chiesto di arrendersi. “, ha detto Lavrov. “Vogliamo assicurarci che non ci siano più minacce alla Russia dall’Ucraina”.

Per quanto riguarda il presidente ucraino, Lavrov ha sottolineato che “Zelensky cambia continuamente posizione, l’Ucraina sabota i negoziati. “Il governo ucraino è diventato uno strumento degli estremisti nazisti e del governo statunitense”.
Continuando con Zelensky, Lavrov ha aggiunto che “può promuovere la pace: gli basterebbe smettere di dare ordini criminali alle sue truppe naziste” e ha aggiunto che, come russi, “vogliamo solo garantire la sicurezza dell’Ucraina filorussa in est del Paese». “.

Screenshot dell’evento Bianca Zone (fonte: tgcom24.mediaset.it)

Riguardo ai pericoli dell’escalation nucleare, il ministro degli Esteri russo ha sottolineato che “la Russia non ha mai smesso di cercare di raggiungere un accordo per evitare la guerra nucleare, la terza guerra mondiale. I media occidentali sono quelli che hanno falsificato il nostro messaggio e falsificato i nostri obiettivi in ​​questo affari. La Russia ha sviluppato armi supersoniche. per difendersi da un possibile attacco occidentale. “Siamo pronti a parlare con gli Stati Uniti di un nuovo accordo di stabilità strategica, ma la parte americana sta interferendo con i negoziati”.

Per quanto riguarda il gruppo mercenario di Wagner, che sembra essere in Ucraina e combattere per conto del governo russo, Lavrov ha sottolineato che “questo è personale e non ha nulla a che fare con lo stato russo” e ha sottolineato che ci sono molti rappresentanti dell’esercito occidentale e mercenari che combattono in Ucraina”.
Lavrov è stato citato dai giornalisti in risposta ai tristi eventi di Bucha, a cui però il ministro degli Esteri ha risposto che “la verità è una sola: il 30 marzo l’esercito ha lasciato Bucha, il sindaco ha dichiarato vittoria e la città è tornata a vita normale. Dopo tre giorni hanno iniziato a mostrare questi corpi. Non voglio entrare nei dettagli, ma è molto chiaro che è una bugia”.

Screenshot dell’evento Bianca Zone (fonte: tgcom24.mediaset.it)

Alla domanda sulla possibile fine della guerra il 9 maggio, il Giorno della Vittoria della Russia contro il nazismo, il ministro degli Esteri Lavrov ha chiarito che “il nostro esercito non pianificherà sicuramente un’operazione in quella data. Celebreremo come al solito il Giorno della Vittoria, con cerimonie ufficiali (.. .) ma la tempistica è chiara, la velocità con cui le operazioni ora in corso in Ucraina dipendono dai tempi della necessità di ridurre al minimo il potenziale pericolo per la popolazione civile e per l’esercito russo”.

Infine, è molto importante un riferimento al problema principale del gas naturale. Il ministro degli Esteri Lavrov in genere ha sottolineato che “ci hanno criticato, ma hai o hai rubato molti miliardi di euro, perché la maggior parte di questo importo, e secondo le tue regole, Gazprom doveva tenerlo nelle banche occidentali, e ora questo importo non è più disponibile. “
A questo punto lancia un altro attacco ai media occidentali (“Perché nessuno ne ha parlato? Dov’è finita l’onestà dei giornalisti?”) e prosegue dicendo che “suggeriamo quindi che le varie commissioni possano essere considerate pagate solo se il relativo importo viene convertito in rubli, che non possono essere rubati”.

L’intervista ha provocato durante la notte diversi commenti nella politica italiana e in internet. Molti l’hanno commentato come propaganda russa e ci sono state critiche, ad esempio da Segretario del Pd, Enrico Letta – al giornalista Giuseppe Brindisi, che al termine dell’intervista ha salutato il ministro degli Esteri Lavrov, dicendo: “Vi auguro ogni bene, e auguro che arrivi presto la pace”.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.