Juan Pedro López, nuovo leader del Giro d’Italia 2022 | Sport

Andarono sull’Etna sugli asini a raccogliere la neve, di proprietà del vescovo, e la trasportarono al porto di Trapani, dove fu acquistata dai pescatori, che ne avevano bisogno per conservare il pesce, o dai pasticceri, per fare gelati e granite. . Si guida un’auto per sciare lungo le pendici del suo cratere, sempre in fiamme, e si va in bicicletta per volare sentendo la libertà del vento sul viso, o toccando la gloria del Giro d’Italia, che è un rosa maglia e si adatta perfettamente a Juan Pedro López, il ciclista di Lebrija, Siviglia, grande panetteria Juan Pea e Domi Vélez.

Ha preso il secondo posto sulla tappa del Rifugio Sapienza, al confine con i 2.000 metri, quasi a contatto con la neve, e il sole splendente non era ingannevolmente freddo. È stato battuto dal tedesco Lennard Kämna, il suo compagno di fuga, in una finta preliminare – entrambi i ciclisti ne hanno parlato, vecchio affare, per te tappa, maglia per me-, e anche così erano pronti a scontrarsi all’ultima curva, molto chiuso. , e il pugno sivigliano, con rabbia, furia, gioia, il manubrio della bicicletta. “Mi hanno detto in macchina che sarebbe stata una maglia rosa [el líder, Mathieu van der Poel, ya se ha quedado en Biancavilla, a las puertas del Etna, y llega a 23 minutos], ma non posso crederci”, ha detto, ed emotivamente è scoppiata in lacrime. “Ho passato momenti molto difficili. Il figlio di un amico, quindi, è in paradiso, e niente [y se seca las lágrimas con la bocamanga de su rosa]Penso che sia per lui, per la mia famiglia”.

López, Juanpe per i tifosi, 24 anni, 1,70 metri, 60 chilogrammi, è puro desiderio e uno di quei ciclisti spagnoli che sono venuti a riempire un vuoto molto profondo e hanno lavorato duramente per la gloria, che lo ha riempito così tanto, o di più, come l’emozione che ha provato quando i suoi Calves hanno vinto la Coppa contro il Valencia. Fa tutto con uno spirito apparentemente impossibile e un contegno freddo nella sua voce eccitata al traguardo, quando riesce solo a dire che non ci crede, che gli ci sono voluti 10 minuti per assimilarlo e che pensa solo a divertirsi esso. il rosa, godendosi ogni chilometro che lo vedeva. “E quando devo lavorare per il mio capo, Ciccone o Mollema, sì lo farò, è il mio lavoro”, ha detto il ciclista di Lebrija che ha iniziato come ciclista nella squadra giovanile organizzata da Alberto Contador e corre da tre anni con Trek.de Luca Guercilena. “Tutti mi hanno detto che Contador è stato solo l’ultimo spagnolo ad indossare la maglia rosa, quando ha vinto il Giro 2015, e anche che Contador ha vestito di rosa anche all’Etna nel 2011, ma a quel tempo non seguivo il ciclismo, solo calcio, io ero vecchio, 13 anni. Poi ho visto tutto in video”.

Juanpe si intrufolò nella grande fuga, 14 ciclisti, all’uscita della spiaggia di Avola, dove i mandorli e l’inchiostro d’Avola, e l’uva, di cui i greci avevano goduto a Siracusa. L’Etna non era ancora altro che una folla numerosa, nebbiosa e incerta, una grande cortina dietro Catania, e le sue case si ammassavano sulle sue pendici e avevano il colore della cenere che spesso pioveva quando il vulcano bruciava. La nebbia si offuscava man mano che la strada diventava più ripida, sempre più lontana dalla vetta, e il profilo dei vulcani diventava più chiaro, ed era definito dai ciclisti dai loro sentieri sgombri, e pendii di lava secca più neri del loro asfalto e pareti di mattoni di basalto. che rinascono ogni anno, come la natura, i pini novelli, le querce, e gli scarabocchi che crescono ogni mattina come i muri di un binario, e il vento freddo li sbatte in faccia. Alcuni di quelli che si sono staccati hanno guardato indietro, aspettando l’arrivo del loro capitano, tutti così tranquilli nel gruppo tranne un altro López del Giro, Superman, che si è dimesso perché la gamba gli faceva male per giorni.

Altri guardano avanti. Vogliono vincere la tappa. Juanpe è uno di loro. Le sue idee erano chiare come il profilo di un vulcano. Che tutti si muovano, si dichiarino, si esauriscano e solo quando la strada si fa più ripida, e arriva al 14%, a 12 chilometri dalla fine, si esce dalla copertura del gruppo, sono solo sei, sopravvissuto alla fuga e si lancia deciso a Oldani, quello che ha attaccato troppo in fretta ed è stato lasciato ad asciugare. Juanpe avanzò da solo. Ha pensato alla vittoria di tappa, alla maglia rosa, a tutto. “L’ho colpito lì, nella parte più difficile, quando il regista mi ha consigliato di farlo”, ha detto Juanpe. “Non conosco la salita.” Il regista è Adriano Baffi, cremonese, saggio e veterano. E proprio quando la solitudine pesava su di lui, Juanpe ha accettato l’aiuto di Kämna, un tedesco di 25 anni venuto per il suo giro in bicicletta allegro e vivace, che ha vinto una tappa del Tour su Carapaz a 23 anni e che a 24 si è sentito vuoto e sopraffatto . pressione. Ha così tanto talento che nessuno è soddisfatto di quello che fa. “Ho passato un anno senza correre, cercando me stesso”, ha detto. “Ho scoperto che mi piaceva troppo andare in bicicletta, che dovevo solo cambiare focus. Non penso più a vincere un grande generale. Preferisco trovare il palcoscenico”. Per trovare la tappa, ha cercato Juanpe a sette chilometri dal traguardo. Raggiunto a 2,5. Entrambi si sostengono a vicenda, si proteggono a vicenda. Parlano. Quando c’è un dono per tutti, nessuno rifiuta di collaborare. Questo è il ciclismo normale. Per una fase. Per altre maglie. E una frase lo riassume, Juanpe ha detto: “Penso che questo sia uno dei momenti più felici della mia vita”.

Dietro di loro, i favoriti del Giro dimenticano il ponte lanciato e la lotta per la tappa. Questa non è l’Etna, troppo tesa, tanto vento, un posto per colpire, ma per andare su ruote. Richard Carapaz e i suoi Ineos lo sanno. Hanno deciso di rendere la vita impossibile alla ruota. Tirano forte. Ogni persona. Uno per uno. Narvaez, Sivakov, Castroviejo, Porte. Il treno lascia le carrozze libere. Valverde, Bilbao, Mikel Landa, gli spagnoli sono ben collegati. Anche Yates e Kelderman, ma Guillaume Martin, arrivato al suo amato Rifugio Sapienza, ha perso per più di un minuto, Nibali, per due, e Dumoulin, il più colpito, per più di sei. Il secondo attacco alpino, venerdì, è stato in rotta verso Potenza lungo la vetta appenninica. Dove, forse, Juanpe López, una spruzzata di Lebrija, continuerà a vestirsi di rosa, felice.

Ora, López, un prodotto della fabbrica Contador, dove ha debuttato come ciclista dilettante nel 2016, è 39 secondi davanti al secondo posto in classifica generale, Kämna, e 58 secondi sopra il terzo, Rein Taaramae. Pello Bilbao è settimo, a due minuti da López, e dodicesimo, a 2:15.

La quarta giornata del girone italiano è stata segnata anche dall’abbandono di un altro López, Miguel ngel, dopo che qualche disagio gli ha impedito di proseguire.

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook Voi Indonesiaoppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.