Le nuvole si stanno addensando nell’economia mondiale

Tutte le indicazioni sono che le previsioni di una forte ripresa e di alti tassi di crescita nel mondo post-pandemia rischiano di essere infrante e l’economia globale è destinata a muoversi verso un periodo di intensa instabilità e di eventuale crisi.

Questo non solo per la pandemia, che ancora non c’è via d’uscita e che in paesi come la Cina ha ancora conseguenze economiche significative, anche la guerra in Ucraina e il grande sconvolgimento che ha provocato nei mercati energetici globali. È anche un dato di fatto che non è chiaro se siano emersi modelli di crescita economica con tassi di crescita di feedback e non solo dinamiche cicliche, che era la sfida principale prima della pandemia.

Rallentamento della crescita

La crescita nel primo trimestre del 2022 ha rallentato in modo significativo. SU PIL reale degli Stati Uniti in calo a un tasso annualizzato dell’1,4% nel primo trimestre del 2022, in contrasto con un tasso di crescita annualizzato del 6,9% nell’ultimo trimestre del 2022.

In Tasso di crescita dell’Eurozona nel primo trimestre 2022 è rallentato allo 0,2%, in Francia il tasso di crescita è stato zero e in Italia abbiamo registrato un calo fino a -0,2%.

In Cina, il tasso di crescita è rallentato nel primo trimestre all’1,3% rispetto all’1,4% nell’ultimo trimestre del 2021. Ma anche la Corea ha visto il tasso di crescita rallentare nel primo trimestre allo 0,9%.

Ma anche altri indicatori indicano un rallentamento della crescita. QUELLO PMI globale compilata da JP Morgan è sceso al minimo di un anno e mezzo a marzo, indicando di fatto una tendenza al ribasso della produzione industriale globale.

Problemi di affari

Le grandi aziende generalmente cercano di presentare un quadro dei risultati finanziari positivi per il primo trimestre del 2022. Ad esempio, le aziende Apple registra un aumento del 9% annuo le sue entrate per il trimestre sono state di $ 97,3 miliardi, su un profitto di $ 25 miliardi. Tuttavia, ha riconosciuto che i problemi nella catena di approvvigionamento tendono a creare problemi nella sua capacità di soddisfare la domanda.

D’altra parte, lo dimostra Amazon ha annunciato un calo dell’utile netto nel primo trimestre del 2022, nonostante un aumento delle vendite. Questo spiega anche il calo significativo del prezzo delle sue azioni nelle ultime settimane. Meta (ex Facebook) ha anche annunciato di avere la crescita dei ricavi più bassa in un decennio. Inoltre, diverse aziende considerate “campioni” nel loro settore hanno dichiarato di trovarsi di fronte a un problema: il calo degli abbonati Neflix o i problemi che stava riscontrando nell’attirare nuovi utenti Facebook.

Inflazione in aumento

Allo stesso tempo, il ritorno dell’inflazione ha superato la fase imbarazzante causata dalla difficoltà della sua interpretazione e ha raggiunto livelli chiaramente allarmanti. Negli Stati Uniti ha raggiunto l’8,5%, nell’Eurozona il 7,5% e anche paesi come Corea e Australia hanno raggiunto il 5%.

Per la prima volta da decenni, l’inflazione sta diventando parte del panorama economico e un fattore che deve essere affrontato. E la difficoltà è esacerbata da quella che sembra essere l’unica via d’uscita dall’inflazione, ovvero i tentativi di aumentare i tassi di interesse e, in effetti, il riflesso di politiche di “quantitative easing”, che minacciano di negare anche il potenziale di crescita anemico esistente. per convalidare l’ingresso in una nuova recessione.

Aumento degli oneri finanziari

Sono stati rilevati segnali di aumento degli oneri finanziari. Il fatto che il rendimento dell’obbligazione decennale statunitense abbia raggiunto il 3% per la prima volta in tre anni è indicativo, mentre esiste già una tendenza al rialzo dei tassi ipotecari, che a sua volta ha il potenziale per invertire la tendenza al rialzo in prezzi degli immobili.

Allo stesso tempo interessante che sembra recedere tendenza globale all’aumento dei prezzi delle azioni. Sebbene per diversi anni l’aumento dei rendimenti obbligazionari reali abbia superato l’aumento dei redditi reali e l’aumento del PIL, ora sembra che si stia entrando in una nuova fase in cui i “carti pesanti” stanno vivendo un forte calo ed è possibile che un la direzione si consoliderà negli scambi.

La nuova grande incertezza

Insieme a tutto questo c’è l’emergere dell’incertezza nel mondo moderno. Da un lato la pandemia è uno shock che mostra la vulnerabilità non solo della società ma anche dell’economia mondiale e non bisogna dimenticare che non è finita e basta vedere cosa sta succedendo in Cina con i saccheggi in questo momento per vedere. tipi di disturbi che possono essere causati.

D’altra parte, la guerra in Ucraina sta già avendo un impatto significativo sull’energia e non solo sui mercati, aumentando l’incertezza generale, aumentando i costi, costringendo ad aggiustamenti nelle strategie di investimento e commerciali, divisioni e conflitti geopolitici totali e “caldi”.

E finora non è chiaro come i costi e la dinamica della “Transizione verde” saranno integrati nell’economia mondiale, ma anche in quale direzione possono verificarsi le riduzioni di produttività che garantiranno tassi di crescita continui.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.