Le truppe russe sono entrate nell’Azovstal

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 23.15

Le truppe russe sono entrate nella regione dell’Azovstal, secondo il consigliere presidenziale ucraino David Arakhamia. Ha anche detto a Radio Free Europe / Radio Liberty che Kiev è in contatto con le truppe ucraine che difendono Azovstal da mercoledì pomeriggio.

“Il tentativo di occupare la fabbrica continua per il secondo giorno. Le truppe russe sono già nell’area dell’Azovstal”, ha affermato Arahamias dalla stazione radiofonica.

Il sindaco di Mariupol Vadim Boichenko ha detto in precedenza che sono scoppiati nuovi combattimenti ad Azofstal, dove centinaia di civili erano ancora intrappolati accanto agli ultimi difensori ucraini in città, e che le comunicazioni con i combattenti dell’Azofstal erano state interrotte.

“Oggi è in corso una feroce battaglia sul territorio della nostra fortezza, nel territorio di Azofstal. I nostri coraggiosi bambini difendono questo forte, ma è molto difficile, perché artiglieria pesante e carri armati vengono lanciati su tutto il forte, le navi si stanno avvicinando e anche lanciare il forte. ”, ha aggiunto Boichenko.

Parlando alla televisione ucraina, Boychenko ha detto che c’erano 30 bambini intrappolati nella fabbrica ancora in attesa di essere salvati. “Stanno aspettando un nuovo processo negoziale e una nuova missione di evacuazione”, ha detto.

“La gente sta ancora morendo. Sfortunatamente, l’aviazione e l’artiglieria del nemico bombardano costantemente l’area”, ha detto. Due giovani donne sono morte ad Azofstal all’inizio di questa settimana, ha aggiunto.

Mosca: tregua ad Azovstal per evacuare i civili

La Russia ha annunciato mercoledì in ritardo che le sue truppe avrebbero osservato un cessate il fuoco presso l’acciaieria Azovstal nel porto ucraino di Mariupol e aperto un corridoio umanitario per tre giorni a partire da domani, giovedì, per evacuare i civili.

“Le forze armate russe apriranno il corridoio umanitario dalle 8:00 alle 18:00 ora di Mosca il 5, 6 e 7 maggio dal sito dell’acciaieria Azovstal per evacuare i civili”, ha affermato il ministero della Difesa.

Nel frattempo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto oggi al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres di aiutare a “salvare” i feriti nell’area dell’acciaieria Azovstal, assediata e bombardata dalle truppe russe.

“Le vite delle persone laggiù sono in pericolo. Chiediamo il tuo aiuto per salvarle”, ha affermato Zelensky dal servizio stampa presidenziale ucraino durante una conversazione telefonica con Guterres.

Domenica le Nazioni Unite hanno lanciato un’operazione per evacuare i quasi 100 civili intrappolati ad Azovstal, insieme alle truppe ucraine che difendono l’ultimo bastione della resistenza nel porto strategico, controllato quasi interamente dalle forze russe.

Il Cremlino, nel frattempo, ha affermato in precedenza che le forze armate russe non hanno “attaccato” Azovstal, ma hanno descritto le azioni della Russia come la soppressione dei “tentativi di caccia” di impadronirsi di nuovi punti di tiro.

Le unità militari russe stanno cercando di avanzare ulteriormente nella regione del Donbas (est) da nord, per accerchiare le truppe ucraine lì, ha detto ieri lo stato maggiore ucraino.

Unità corazzate, fanteria e paracadutisti hanno colpito obiettivi in ​​prima linea tra Izium e Barvenkov, ha detto.

Per supportare la loro avanzata, “gli invasori hanno trasferito schiere di mortai pesanti Tulpan da 240 mm e lanciarazzi multipli Smirz dall’area di Bjelgorod a Izium, sempre nello stato maggiore ucraino”.

Le unità russe hanno anche attaccato le città di Liman, Severodonyevsk, Popasna, Avdievka e Kurakhova, continuando i loro attacchi a Liman, Siversk e Slovyansk, ha detto lo staff, aggiungendo che non era chiaro se avessero vinto.

L’esercito russo è cresciuto 22 battaglione vicino a Izium nell’Ucraina orientale mentre cerca di avanzare lungo l’asse settentrionale del Donbass, ha affermato oggi il Ministero della Difesa britannico.

Tramite Twitter, il ministero della Difesa ha osservato che il servizio di intelligence militare britannico riteneva molto probabile che le forze russe tentassero di impadronirsi, oltre a Izium, delle città di Kramatorsk e Severodonietsk.

Reuters ha osservato di non essere in grado di verificare in modo indipendente queste informazioni.

Shoigu: Il nostro obiettivo sono le armi della NATO consegnate all’Ucraina

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha affermato oggi che l’esercito russo prenderebbe in considerazione l’obiettivo di distruggere le spedizioni di armi dalla NATO all’Ucraina, ha riferito l’agenzia di stampa russa RIA.

Shoigu ha anche aggiunto che i combattenti ucraini che si rifugiavano nell’enorme acciaieria Azovstal a Mariupol erano stati severamente banditi dopo che il presidente russo Vladimir Putin aveva ordinato ai soldati russi di bloccare qualsiasi via di fuga.

In precedenza, il ministero della Difesa russo aveva annunciato che l’esercito aveva chiuso sei stazioni ferroviarie in Ucraina, utilizzate per rifornire le truppe ucraine nell’est del paese con armi provenienti dall’ovest.

Il ministero ha affermato di aver bombardato le stazioni con armi di alta precisione, aggiungendo di aver colpito altri 40 obiettivi militari in Ucraina, inclusi depositi di munizioni e munizioni.

Allo stesso tempo, un sottomarino russo nel Mar Nero ha lanciato due missili Kalibr contro obiettivi in ​​Ucraina, ha osservato la stessa fonte.

“L’equipaggio del sottomarino della flotta del Mar Nero ha lanciato due missili da crociera Kalibr dal Mar Nero contro obiettivi predeterminati sul territorio ucraino”, ha affermato il ministero della Difesa russo in una nota.

Donetsk: 21 civili uccisi, 27 feriti nell’attacco russo

Gli attacchi russi nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale, hanno ucciso 21 civili e ferito 27, ha affermato in una nota il governatore regionale Pavlo Kirilenko.

Kirilenko ha affermato che il bilancio delle vittime di 10 morti nella centrale elettrica a carbone nella città di Avdivka è stato il più alto della regione dall’attacco del mese scorso a una stazione ferroviaria nella città di Kramatorsk. Più di 50 persone sono morte nell’attacco.

Kiev: la Russia ha sequestrato 400.000 tonnellate di grano

Il governo ucraino accusa la Russia di aver rimosso dal 24 febbraio 400mila tonnellate di grano dal territorio del Paese occupato dalle sue forze armate.

Questo è circa un terzo delle scorte di grano a Kherson, Zaporizhia, Danieck e Luhansk, ha detto ieri sera il ministro dell’Agricoltura ucraino Taras Vysotsky in un discorso alla televisione di stato ucraina.

Prima del conflitto, in queste aree venivano immagazzinate 1,3 milioni di tonnellate di grano per il rifornimento quotidiano e la semina. “Non ci sono scorte strategiche”, ha detto il ministro, avvertendo che se la quantità disponibile fosse diminuita, c’era il rischio di morire di fame.

La classe di Kiev ha scosso ricordi dolorosi e vecchie guerre.

Secondo fonti ucraine, circa 4 milioni di persone morirono di fame in Ucraina nel periodo 1932-1933, quando il leader dell’Unione Sovietica (all’epoca il “dittatore” per l’Ucraina), Joseph Stalin, ordinò la collettivizzazione dei contadini e ne ordinò la confisca di grano.

Tuttavia, contemporaneamente sono stati segnalati decessi per fame anche nella Russia meridionale e nel Kazakistan.

Per l’Ucraina, è stato un “genocidio” ordinato da Mosca, che Golodomor ha chiamato “La grande carestia”.

Nuova operazione di liberazione civile da Mariupol

Un convoglio di autobus ha lasciato Mariupol oggi in un rinnovato sforzo da parte dell’Ucraina, delle Nazioni Unite e del Comitato internazionale della Croce Rossa per evacuare i civili dalla città ucraina meridionale, ha affermato il governatore dell’Oblast di Donetsk, Pavlo Kirile.

Gli autobus erano diretti alla città di Zaporizhia, controllata dall’Ucraina, ha detto.

Il governatore non ha specificato, tuttavia, se altri civili fossero stati evacuati dall’acciaieria Azovstal Mariupol, sede degli ultimi difensori della città che combattevano le forze russe.

Il ritrovamento dei corpi di 20 civili alla periferia di Kiev

I corpi di altri 20 civili sono stati trovati nelle ultime 24 ore nella regione di Kiev, che è stata in parte occupata dall’esercito russo per diverse settimane, ha annunciato oggi la polizia ucraina.

20 corpi sono stati trovati “a Borodyanka, non lontano da lì e nei villaggi della regione di Vitsgorod”, ha detto il capo della polizia distrettuale Andriy Nebitov in un video diffuso dal ministero dell’Interno.

“Un totale di 1.235 corpi di civili sono stati trovati ed esaminati”, ha detto, aggiungendo che 800 di loro erano stati “esaminati da medici legali”.

All’inizio della giornata, il vice primo ministro ucraino Olya Stefanitsina ha dichiarato all’AFP il 21 aprile che più di 1.000 corpi di civili sono stati trovati “attualmente (negli obitori) in tutta la regione di Kiev”.

“Posso dirti che, sfortunatamente, la maggior parte di loro è stata uccisa dai proiettili”, ha detto oggi Nebitov.

Secondo la polizia, 282 corpi non sono stati identificati.

Tre centrali elettriche hanno bombardato martedì notte a Leopoli – Interruzione di corrente

Diverse città ucraine sono state prese di mira dai missili russi, che hanno distrutto tre centrali elettriche principali a Lviv, secondo il sindaco di una grande città nella parte occidentale del Paese, che è stata parzialmente interrotta martedì alla fine della giornata.

“Tre centrali elettriche sono state danneggiate dopo l’attacco missilistico”, ha detto il sindaco Andriy Santovi tramite l’app di messaggistica Telegram, aggiungendo che la stazione di pompaggio era stata chiusa a causa dei danni.

Almeno una persona è rimasta ferita, ha aggiunto. Secondo i media ucraini, il blackout ha colpito diversi quartieri di Leopoli. Bombardamenti sono stati segnalati anche dalle autorità locali a Vinnytsia (centro), Odessa (sudovest) e Kirovograd (centro), senza riportare danni.

La regione della Transcarpazia, che confina con l’Ungheria nell’Ucraina occidentale e finora è sfuggita ai bombardamenti, è stata colpita per la prima volta dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio.

“Un razzo è atterrato nella regione montuosa della Transcarpazia. I servizi stanno lavorando sul posto, stiamo chiarendo le informazioni sui feriti e sulle possibili vittime”, ha detto a Telegram il governatore della regione, Victor Mikita.

Il 90% degli obici americani promessi in Ucraina “in mani ucraine”

Quasi tutti i sistemi missilistici americani Howitzer che gli Stati Uniti hanno promesso all’Ucraina sono ora “in mani ucraine”, secondo un alto funzionario della difesa statunitense, come riportato dalla CNN.

“Posso dirvi che oltre il 90% dei 90 Howitzer promessi in Ucraina sono in realtà in mani ucraine”, ha detto.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.