Nazionale di calcio della Germania: cosa significa vincere 5-2 contro l’Italia per la stagione dei Mondiali

Al termine della stagione internazionale, la nazionale tedesca di calcio ha riacquistato fiducia vincendo 5-2 sull’Italia. Come hanno reagito i giocatori e gli allenatori della nazionale.

Come è noto, le partite durano 90 minuti, ora spesso di più. Solo allora viene solitamente presa la decisione: riuscita o meno. Martedì sera al Mönchengladbach si è giocato anche a calcio per oltre 90 minuti. Ma dopo più di 45 di loro è diventato chiaro: per la nazionale tedesca di calcio, la notte della partita casalinga contro l’Italia è stata effettivamente salvata.

Jonas Hofmann è stato atterrato da Alessandro Bastoni in area di rigore italiana. A potrebbe essere un rigore, non un requisito, ma l’arbitro Istvan Kovacz ha fischiato. Qualche istante dopo, Ilkay Gündogan non ha dato alcuna possibilità al portiere dell’Italia Gianluigi Donnarumma e, poiché Joshua Kimmich aveva segnato per 1-0 nelle fasi iniziali, la maledizione finale è stata battuta con un secondo gol.

Leggi dalla nostra offerta: le avversarie del girone della terza Coppa del Mondo sono state determinate

La squadra tedesca ha recentemente giocato 1-1 contro l’Olanda (già a marzo), nel primo duello con l’Italia, contro l’Inghilterra e in Ungheria. Inoltre, ci sono prestazioni fluttuanti – e la conclusione: tutto questo è troppo per suonare l’allarme per la prima volta nell’era di Hansi Flick, ma anche troppo poco per parlare di un vero spirito di ottimismo in occasione della Coppa del Mondo di quest’anno. Un nuovo incontro con i campioni d’Europa dall’Italia aprirà il corso per il resto del 2022, con la Coppa del Mondo che si giocherà in Qatar.

Confezione doppia di Timo Werner

Alla fine è stato 5:2 contro la Squadra Azzurra che è stato solo in parte pericoloso – e alla fine di questo pacchetto di partite di Nations League, ora la visione potrebbe essere molto più positiva verso la Coppa del Mondo invernale. Dopo Kimmich (10° minuto), Gündogan (45+2) e Thomas Müller (51°), Timo Werner ha chiarito le cose con due gol al 68° e al 69° minuto. Il pubblico è molto felice. “A volte abbiamo giocato un ottimo calcio”, ha detto Gündogan, che pensa che la sua squadra sia sulla strada giusta. “Crediamo in noi stessi”, ha aggiunto il capitano Manuel Neuer, “è un traguardo importante”. E Thomas Müller è soddisfatto della maggiore disponibilità della sua squadra a correre rischi che mai. Ma la strada verso il Qatar non inizia senza punti interrogativi.



Leggi dalla nostra offerta plus: come Antonio Rüdiger è diventato il capo della difesa della Germania

In attacco, anche Timo Werner e Leroy Sané cercano una vita più leggera come attaccanti martedì, a parte l’ex doppietta dello Stoccarda. La difesa, questa volta Niklas Süle e Antonio Rüdiger al centro della difesa, non è sempre sembrata solida – con i gol dell’Italia per 1:5 del talento d’assalto Wilfried Gnonto (78) e 2:5 di Alessandro Bastoni a causa di un infortunio forse quella volta Zero-esperienza persa di nuovo. E la precisione dell’operando ad alta velocità deve ancora essere lavorata.

Un po’ di tempo per prepararsi

Ma: in contrasto con la prestazione di sabato in Ungheria, la squadra tedesca si è presentata contro una giovane squadra italiana in un modo molto più deciso, impegnato, coraggioso e pianificato. Il centrocampo con Kimmich e Gündogan ha lavorato meglio dell’ultima variante con Leon Goretzka. E grazie alla tendenza al rialzo di questo sport, che ha portato i DFB-Elves al secondo posto nel Gruppo A della Nations League 3 (l’Ungheria ha vinto 4-0 in Inghilterra), l’atmosfera è ora quella giusta.

I giocatori della nazionale sono entrati in un periodo di riposo piuttosto breve con un gioco da ragazzi prima di iniziare la pre-stagione con i loro club. “Vogliamo continuare ad avere così tanto successo”, ha detto Gündogan. La nuova stagione della Bundesliga inizia il primo fine settimana di agosto e alla fine di settembre Hansi Flick raccoglie di nuovo le sue scelte attorno a sé. Contro l’Ungheria (23 settembre) e in Inghilterra (26 settembre) l’ultima prova di resistenza attende le nomination ai Mondiali. Il 23 novembre si svolgerà la prima partita della Coppa del Mondo contro il Giappone.

Hansi Flick elogia la sua squadra

Così il tecnico della nazionale (“Un grande saluto alla squadra, è stato uno stress test per tutti noi”) non ha più molte opportunità per preparare la sua squadra alla missione in Qatar. La prestazione e il risultato (la più grande vittoria contro l’Italia in 83 anni) di martedì sera a Mönchengladbach sono l’unica cosa che conta.

Jolanda Russo

"Datopato di Internet. Orgoglioso evangelista della cultura pop. Studioso di Twitter. Amico degli animali ovunque. Comunicatore malvagio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.