Perché il Giorno della Vittoria il 9 maggio è molto importante per la Russia

Sotto il presidente russo Vladimir Putin, il Giorno della Vittoria è diventato una dimostrazione di forza per le truppe e l’equipaggiamento militare, nonché un’opportunità per commemorare le vittime della seconda guerra mondiale. Ventisette milioni di cittadini sovietici hanno perso la vita nella più grande perdita di qualsiasi paese in quella che la Russia chiama la “Grande Guerra Patriottica”, riferisce la BBC.

Quest’anno l’evento festivo assume un nuovo significato. La Russia ha condotto una guerra lunga mesi contro la vicina Ucraina e non ha alcuna forma tangibile di vittoria militare da celebrare.

L’equipaggiamento militare che ha avuto un ruolo chiave nella guerra sfilerà davanti agli alti funzionari ea Putin, il cui discorso sarà ascoltato sulla Piazza Rossa e sarà valutato attentamente per cosa aspettarsi dopo. Il presidente russo sfrutta spesso questo momento per inviare un messaggio sulle sue intenzioni.

La parata del giorno della vittoria si è talvolta tenuta in epoca sovietica ed è stata “resuscitata” dall’ex presidente Boris Eltsin per il suo 50esimo compleanno nel 1995, ma è stato Vladimir Putin nel 2008 a renderlo un evento annuale con equipaggiamento militare. L’identità russa è stata in gran parte creata con il Giorno della Vittoria sullo sfondo, con libri di testo e libri di storia incentrati sulla Russia come liberatrice dell’Europa durante la guerra.

“Anche in un anno normale, ci sono grandi dimostrazioni del potere russo”, ha detto Ammon Cheskin dell’Università di Glasgow. “E sta diventando più forte quest’anno.”

Le accuse secondo cui annuncerà la fine della campagna sono state sfatate, così come i rapporti secondo cui dichiarerà una dichiarazione di guerra completa o recluterà russi. L’esercito russo non “aggiusterà artificialmente” le sue azioni in una data specifica, ha affermato il ministro degli Esteri Sergei Lavrov.

Una mobilitazione meno che completa potrebbe essere annunciata in risposta alle pesanti perdite della Russia sul campo di battaglia. Decine di annunci sono apparsi sui siti web di lavoro in cerca di “esperti di mobilitazione” nelle ultime settimane, ma una mossa del genere potrebbe danneggiare la popolarità di Putin e il 9 maggio potrebbe non essere un buon momento per annunciarlo.

Quando la Russia ha annesso la Crimea nel 2014, Vladimir Putin ha pronunciato un discorso sulla Piazza Rossa nel Giorno della Vittoria sulla sconfitta del fascismo, prima di volare al porto di Sebastopoli sul Mar Nero per celebrare la sua nuova vittoria davanti a migliaia di spettatori.

“L’obiettivo principale di quest’anno è dichiarare la vittoria sull’Ucraina, che avrebbe dovuto svolgersi a febbraio”, ha affermato Ernest Wyciszkiewicz del Centro per il dialogo e la comprensione polacco-russo. “Stanno preparando un evento di pubbliche relazioni per lunedì: è importante per la Russia vedere che le operazioni militari speciali di cui sentono costantemente parlare hanno prodotto qualcosa di tangibile”.

Quest’anno, invece di celebrare il rovesciamento del governo ucraino, il Cremlino si è dovuto accontentare di occupare gran parte di Mariupol. La città potrebbe essere sotto le macerie di pesanti bombardamenti, ma la Russia ha ripetutamente parlato di “de-nazizzazione e smilitarizzazione” dell’Ucraina e potrebbe affermare che l’Ordine di Azov, falsamente affermato essere nazista, è stato sconfitto. Una cosa del genere risuonerebbe in un giorno che celebra la seconda guerra mondiale.

“Nelle città russe e nei capoluoghi di regione vediamo cartelli con il simbolo del Giorno della Vittoria”, ha affermato Olga Irisova, co-fondatrice del gruppo di analisi Riddle Russia. “Di solito i segni dicono il 9 maggio 1945, ma quest’anno è il 1945/2022, quindi stanno cercando di dare al mondo l’idea che stanno combattendo ancora una volta i nazisti”.

Nella stessa Mariupol non ci sarà la parata del Giorno della Vittoria a causa dell’evidente minaccia alla sicurezza. Il leader della regione sostenuta dalla Russia, Denis Pushilin, ha affermato che la marcia dovrebbe attendere fino a quando Mariupol entrerà a far parte della cosiddetta “Repubblica popolare di Donetsk”, poiché il Cremlino ha già riconosciuto la regione.

Tuttavia, ci sarà un evento festivo non specificato e potrebbe avere un posto di rilievo nella copertura dei media russi. In preparazione al 9 maggio, la città è stata visitata dal propagandista del Cremlino Vladimir Solovyov e da una delegazione del Cremlino guidata dal vice segretario generale del Cremlino Sergei Kiryenko.

Leggi anche:

* Russia: Putin avverte l’Occidente delle “conseguenze” mondiali il 9 maggio

* Quanto è probabile che la Russia utilizzi armi nucleari?

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.