Perché tutti amano la cucina italiana

Quella,

Quello che in realtà accade alla Squadra Azzurri nei grandi tornei di calcio, lo stesso vale per la cucina italiana, sempre e ovunque: tutti la adorano, la ammirano e la sostengono. In questa opportunità Giornata Internazionale della Cucina Italiana (17 gennaio), alcuni dei suoi più importanti rappresentanti ad Atene scena del ristorante -Quello Ettore Botrini, Pano IoannidisNikos Dimitrokalis, Maggi Tampakaki, Thodoris Papanicolaou, Giannis Lioka, Vassilis Tsatsakis e Kyriakos LiodakisParlano con Esquire e spiegano perché e come Filosofia gastronomica italiana e il suo gusto conquista il pianeta.

Ettore Botrini

La cucina italiana è affascinante nella sua “povertà”. È conveniente e facile, semplice ma non semplice. Allo stesso tempo, non è classificato. Ci sono molte regioni d’Italia che hanno filosofie diverse e, ovviamente, ricette diverse. Ma tutto sotto il tetto della percezione generale del gusto.

Il flusso di immigrazione verso gli Stati Uniti e altre parti del mondo ha creato il suo immenso potere, rendendolo ora non solo riconoscibile ma anche completamente globale. Così sono nati alcuni dei piatti più popolari della cultura pop – che non sono rigorosamente italiani ma in fondo lo sono – come polpette di spaghetti.

Quanto alla ricetta più rappresentativa, direi che è napoletana. Per me, dovrebbe essere insegnato all’università. È un piatto duro, vero? Questo varia ad esempio da regione a regione e gioca un ruolo importante quali pomodori utilizzerai, quanto tempo ci vorrà per cuocerli, ecc. Infine, parlando di ingredienti con marchio, finirò con parmigiano, pasta e olio d’oliva.

* Hector Botrini è lo chef e proprietario appartenente a botrini e Etrusco.

Nikos Dimitrokalis

Secondo me è diventato il più popolare del pianeta, perché a differenza dei francesi non si limita ai ristoranti gourmet ma esce di casa al grande pubblico. La cucina italiana va dal mattarello della massaia alla tavola del ristorante.

Gli chef italiani sono riusciti a rendere più appetitoso, personalizzato e leggero ciò che mangiano nelle loro case. Fanno lo stesso con il loro vino: tocca tutte le classi sociali, è accessibile a tutti, a differenza del vino francese.

Un altro elemento importante è il forte localismo che esiste tra le regioni italiane nell’area del cibo, qualcosa che estende la ricetta e la varietà degli ingredienti. A causa dell’immigrazione, soprattutto negli Stati Uniti, la cucina aiuta molto gli italiani a mantenere la propria identità.

Anche la loro cucina è molto ben equilibrata, non esagerata. Inoltre, non dimenticare che tutti amano la pasta, così come la maggior parte degli ingredienti mediterranei. La loro promozione è un detto: sono riusciti a portare la mozzarella dalla Grande Muraglia all’Alaska.

* Nikos Dimitrokalis è lo chef patron di Dal Professore.

Maggie Tabakaki

Non c’è dubbio che stiamo parlando della cucina più amata al mondo. La sua frugalità e gli ingredienti abbastanza basilari anche per le più semplici tazze aromatizzate, lo rendono il preferito di tutti. Combinato con molti altri fattori è riuscito a diffondersi in ogni angolo del mondo.

Qui vorrei sottolineare la ‘trappola’ in questo: oltre a un buon e vero ristorante italiano, c’è anche quello che chiamiamo ‘simil italiano’, che “italianizza” ma non è italiano. Del resto, sono anche un esempio della diffusa accettazione di questa cultura gastronomica ovunque.

Per il piatto forse più rappresentativo penso sia la pasta al pomodoro, una ricetta che ricorda una casa italiana, mentre per gli ingredienti più tipici direi pomodorini, aglio e olio d’oliva.

* Maggie Tabakaki è la chef e proprietaria (con il marito Francesco Ciccio) di Napul’e.

Giannis Lioka

Inizierò con la parte che potresti non aspettarti ed è un business. Questo è uno di quei deliziosi progetti che possono, per una cifra relativamente piccola, fornire risultati di gusto opposti. La cucina povera è bella senza essere costosa.

Poi arriva la parte marketing e comunicazione, dove gli italiani sono molto forti. Dopotutto, fanno lo stesso con il vino. Non dimenticare che qualunque tendenza si manifesti nel mondo del gusto, non ne risentirà, perché come parte della dieta mediterranea, la tendenza stessa è sempre una tendenza costante.

* Giannis Liokas è il capo chef di Monzù.

Pano Ioannidis

Inizio col raccontarvi quale piatto mi ha coinvolto nella cucina italiana e – no, non si tratta di risotto – sono gli spaghetti al pomodoro e basilico. Nella sua semplicità abbraccia tutta la filosofia del cibo italiano.

In generale, la cucina italiana, anello importante della dieta mediterranea – insieme a molti piatti provenienti da Grecia, Francia e Spagna – è riuscita a conquistare un’immensa popolarità.

A questo aiuta il fatto che gli italiani sono maestri del marketing e della comunicazione. Quindi, sembra diretto, facile e comprensibile a quasi tutti. Sono sapori e ingredienti che tutti conoscono, allo stesso tempo in questo paese ci sono notevoli differenze e aspetti della cucina a seconda della regione.

Che a sua volta sblocca una varietà di opzioni e ricette. Infine, se dovessi scegliere un solo ingrediente che lo rappresenti in pieno, probabilmente è l’olio d’oliva.

* Panos Ioannidis è chef, giudice/presentatore presso MasterChef e comproprietario Ovio.

Vassilis Tsatsakis

L’auto migliore del mondo potrebbe non essere prodotta in Italia, ma tutti la guardano e basta Ferrari l’unico lamborghini resterà a bocca aperta. L’outfit più bello del mondo potrebbe non essere italiano, ma chi non apprezza un abito ben disegnato? Armani;

Ma tale era lo stile, la passione e il marketing degli italiani, che presto acquisirono tutti diversi status. Fanno lo stesso con il cibo, che include davvero chiunque, ovunque. Vuoi qualcosa di facile e veloce? Pizza. Una specie di spaghetti. Presto questo ti viene in mente.

In essa, infatti, si può costruire, con altri materiali, rendendo più lussuosa la percezione dell’ambiente circostante. Ma la cucina italiana è sempre rimasta la più confortevole del mondo e niente può raggiungere questo livello.

Se aggiungi la parte della comunicazione e della diffusione, ti rendi pienamente conto della sua potenza: letteralmente, dall’America Latina alle steppe dell’Asia, troverai un ristorante italiano. E dice tutto da solo.

* Vassilis Tsatsakis è lo chef e co-proprietario Cavaliere.

Thodoris Papanicolaou

Si tratta, ovviamente, di un fenomeno globale, dovuto in gran parte alla bellezza e all’insistenza degli italiani sul proprio “prodotto”: lo vediamo nei loro film, lo vediamo in palla, lo vediamo nei loro vestiti . . Hanno la conoscenza, hanno i mezzi e hanno anche la capacità di “venderli”.

Si sentono unici e questo è qualcosa che sperimentano nella loro dieta. Sono anche persone che mantengono intatto il legame con il passato gastronomico come chiunque altro.

Assimilano anche molte altre culture alimentari, ma usano solo i propri prodotti. Direi che la cucina italiana è una delle più semplici e familiari al mondo e allo stesso tempo una delle più ‘DOP’ esistenti. Considera che il suo piatto più rappresentativo sono gli spaghetti al pomodoro. Cosa possiamo dire;

*Thodoris Papanikolaou è uno chef, con incarichi presso (premiato con 1* Michelin) Ora d’Aria a Firenze, a Santorini Moon e a Sense e Parla Athens.

Kyriakos Liodakis

Quella italiana è una cucina che piace a tutti. Gli ingredienti sono semplici, non dimentichiamo che alle sue radici è una cucina ‘povera’ che poi è molto creativa con nuove materie prime adattate ad essa, senza perdere la sua identità.

La migrazione degli italiani in diverse parti del mondo e il loro mescolamento con la cultura del sapore locale hanno contribuito a diffonderlo ovunque, anche con poche ricette diverse.

QUELLO Pizza rappresentano molti elementi della loro cucina, ma se volete essere sinceri vi dirò che il loro piatto più caratteristico è Una specie di spaghetti.

Kyriakos Liodakis è il proprietario e pizzaiolo Granello.

Fonte: esquire.com.gr.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.