Breakpoint nel caso del dosimetro. “Sono membro di un’organizzazione criminale”, ha ammesso l’imputato

Puoi anche ascoltare l’articolo in versione audio.

Questo è un cambiamento fondamentale. Nel caso di Dozimetri, in cui l’ex deputato della città di Praga Petr Hlubuček e altri dodici sono stati processati per manipolazione di ordini presso una società di trasporti, si sente una nuova testimonianza. Uno dei principali sospettati, Pavel Dovhomilja, ha parlato. E poiché la polizia stessa lo ha nominato come il più vicino membro della leadership dell’associazione perseguita, ha una visione dettagliata di come è avvenuto l’atto sotto inchiesta.

L’uomo d’affari quarantenne Pavel Dovhomilja era all’estero al momento dell’intervento della polizia. Soprattutto in Croazia. L’elenco dei rapporti ha mappato l’intero gruppo per diversi mesi. Pertanto, Dovhomilju può essere contattato tramite i suoi parenti. Il messaggio è semplice: è ora di dire la verità. Dovhomilia è d’accordo.

“Colpa mia…”

Parte dalla Croazia la sera dal martedì al mercoledì. Subito dopo il suo arrivo, il giornalista Seznam Zpráv lo ha incontrato. Ciò ha portato a un’intervista di diverse ore in cui ha descritto come è diventato membro di un “gruppo criminale” e come ha funzionato.

“Sì, sono membro di un’organizzazione criminale, come si legge nell’atto di accusa. La vedo come una colpa mia, avrei dovuto valutarla diversamente e non avrei dovuto. Ognuno ha un’area lì e sta cercando di fare affari lì”, Pavel Dovhomilja, soprannominato Gucci per il suo amore per i marchi di moda italiani, ha iniziato a descrivere il sistema di lavoro dell’intero gruppo.

“Il soprannome è stato coniato da Maťo (Matej Augustín, ex direttore finanziario di una società di trasporti, redattore dei registri), Petr Hlubuček, ad esempio, ‘Slepičák’ perché alleva polli”, conferma Dovhomilja, ad esempio, le informazioni descritte nel delibera sull’avvio di un procedimento penale. E come aggiunge, i membri delle società segrete non solo hanno soprannomi, ma ognuno ha il suo ruolo unico.

“Petr Hlubuček mi ha preso. Come politico, rappresenta diversi settori delle compagnie di trasporto e della città. Quindi il suo ruolo è quello di far rispettare ciò che è necessario”, ha detto Dovhomilja, tra gli altri.

“…ma Redl ha diviso i soldi”

Il capo del gruppo – Dovhomilja ha confermato ancora una volta le informazioni della polizia – era Michal Redl. Come ha descritto, è stato lui a raccogliere tutto ea distribuire il denaro. “Per la maggior parte non esiste uno schema fisso. Distribuisce denaro in base a chi fa cosa lavora in quella particolare materia”, ha spiegato l’uomo d’affari. Secondo lui, gli altri hanno i rispettivi ruoli a seconda di chi può fare cosa. Il punto è fare “affari”, come afferma.

“Ma questo non significa che dobbiamo costringere nessuno. Quando abbiamo l’impressione, gli uomini d’affari vengono da noi stessi”, aggiunge Dovhomilja. Per “pressione” si intende un politico capace, Hlubuček, che lavora per la loro causa, attraverso la quale sono riusciti a nominare Matej Augustín come direttore finanziario di una società di trasporti. E poi ha assunto l’incarico Un’altra chiave dell’azienda cittadina.Senza questi contatti, sarebbe molto difficile dirigere gli ordini alle compagnie di trasporto, Dovhomilja concorda con i risultati della polizia e aggiunge: Quando occupano il posto di blocco, tutti quelli che vogliono effettuare un ordine deve raggiungere un accordo con Redl et al.

Dopo aver parlato con il giornalista Seznam Zpráv, Pavel Dovhomilja è andato alla polizia e ha ripetuto la sua testimonianza agli investigatori. Si basa sul fatto che le confessioni possono portare a una condanna più leggera (puoi leggere come funzionano i patteggiamento QUI).

Allo stesso tempo, le parole di Dovhomilj sono diventate un punto di svolta per gli inquirenti, come conferma una fonte vicina alle indagini. Vale a dire: rafforzano la loro costruzione di associazione criminale, che dimostrano principalmente con l’aiuto di intercettazioni registrate segretamente.

Ma è più di questo: la deposizione mostra che la polizia non ha smascherato l’intero gruppo. La testimonianza include altri nomi specifici di persone ancora scomparse dall’elenco dei sospetti. Lo tratteremo in dettaglio nei prossimi giorni.

Caso STAN e funzionamento del dosimetro

Foto: Seznam Zpravy, scuola materna

Facce: Michal Redl, Pavel Kos, Petr Hlubuček.

La mattina di mercoledì 15 giugno, gli investigatori dell’NCOZ hanno lanciato un’operazione su larga scala. Hanno arrestato sospetti in dozzine di luoghi a Praga e nella regione della Boemia centrale, hanno perquisito i loro uffici e cercato prove anche nelle loro case private. L’incidente del Dosimeter, come descritto dalla polizia nei documenti, ha messo in luce un gruppo di politici, manager e lobbisti che hanno influenzato gli appalti pubblici e le operazioni delle società pubbliche, in particolare la compagnia di trasporti di Praga. L’inchiesta ha scosso anche la scena politica, il ministro dell’Istruzione se ne è innamorato e il movimento governativo Starostové i independentí si è trovato sull’orlo del baratro.

Adriana Femia

"Evangelista zombi malvagio. Esperto di pancetta. Fanatico dell'alcol. Aspirante pensatore. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.