Nadal si riafferma nei confronti di Fritz | Sport

La vita è piena di contrasti. E la parata finale attraverso La Catedral lo dimostra. Non c’è sicuramente personaggio più antagonista nel tennis di Rafael Nadal (6-4, 6-2 e 7-6(6), in 2h 22m) e Nick Kyrgios. L’irresistibile australiano ha continuato a guidare a Londra e dopo aver eliminato Brandon Nakashima nei quarti (4-6, 6-4, 7-6(2) 3-6 e 6-2), ha raccontato: la notte prima della partita contro Nadal qui [en 2019], hanno dovuto portarmi fuori da un pub. Questo si riferisce a monello fino al giorno in cui prima di misurarsi con la Spagna, un gruppo di giornalisti lo ha notato tra birre e ragazze al Dog & Fox, il locale situato a un quarto d’ora a piedi dall’All England Club. “Il mio agente doveva venire a tirarmi fuori di lì alle quattro del mattino. Vengo da un lungo viaggio, questo è certo”, ha sottolineato il nativo di Canberra.

Nadal percorse la strada esattamente opposta, dormendo quella notte sognando la possibilità di conquistare Wimbledon, uno degli obiettivi che lo eccitava di più prima di concludere la sua carriera. Quell’anno Roger Federer gli rubò il pass per la finale e poi, tra la pandemia e la gamba, lo spagnolo dovette aspettare che questo attacco migliorasse sempre di più, con il passare dei giorni avanzava, la classifica si sdoganava e migliorano le sue prestazioni contro Van. de Zandschulp, l’olandese che aveva battuto poco più di un mese fa al Roland Garros. Dal meno al più, dalla saggezza alla genialità, lo spagnolo si ridimensiona e inizia a mostrare le sue carte mentre un potenziale crossover con Kyrgios è saturo all’orizzonte.

“A volte la gente dimentica, ma questo è stato il mio decimo anno sul circuito”, ricorda quest’ultimo, la minaccia più fondamentale nel passaggio teorico alla finale di domenica. “Mi sento come se fossi quello che ha sfondato quando era giovane e aveva 19 anni, e che ha battuto Rafa a Wimbledon. [en 2014]. In qualche modo, ho mostrato ad altri giovani che era possibile farlo. Sono stato il primo a rompere gli schemi. Sento che quel giorno l’ho mostrato [Nadal] era umano”, ha proseguito mentre i fan proiettavano in semifinale un ipotetico duello, ancora pura immaginazione. In primo luogo, ha dovuto battere Cristian Garín, cosa che non sembra facile visto il suo problema alla spalla, e in secondo luogo, il Baleari ha dovuto battere Taylor Fritz.

“Contro le due rivali più difficili, contro quelle che ho vinto in tre set”, ha sottolineato. “Quando la domanda aumenta, sono pronto ad aumentare il mio livello. La mia palla ha fatto più danni che all’inizio del torneo, sia con il diritto che con il rovescio, e anche con il wedge. Ora è il momento di fare un altro piccolo passo e, se non è possibile, è normale per me tornare a casa”, ha detto Mallorcan, che a 36 anni è il terzo tennista dell’era Open (dal 1968) a raggiungere i quarti maggiori britannici a la sua età. In precedenza, Federer e Ken Rosewall dall’Australia lo facevano.

in forma diesel

Seguendo la logica di dove era trascorso il suo tempo del Grande Slam, lo spagnolo si è posizionato all’avvicinarsi della stazione finale. Dopo aver completato il percorso di adattamento (Francisco Cerúndolo e Ricadas Berankis) e una fase più o meno inattiva del suo tennis nel primo tempo, Nadal ha trovato un punto di gioco che gli piaceva e ha ribadito le belle sensazioni che aveva dato due giorni fa contro Lorenzo Sonego . La serata si è conclusa a fatica a causa del caos con l’Italia su internet, con il rumore, mentre il polso con Van de Zandschulp (26 anni, 25 nel mondo, senza alcun vantaggio importante se non l’isolata finale di Monaco) si è svolto in formato diesel . Fatta eccezione per una pericolosa scivolata nel tratto finale e un time lapse che lo ha costretto a finire al tiebreak – dal 5-3 al 5-5 e qualche alto e basso in risoluzione–, il resto è un gioco da ragazzi.

Nadal è già stato affinato, e ora resta da vedere se il suo livello è sufficiente per sbarazzarsi di Fritz. L’americano è uno dei tre giocatori ad averlo battuto eroicamente in questa stagione – insieme a Carlos Alcaraz e Denis Shapovalov –, anche se la vittoria è stata accompagnata da un asterisco. Quel giorno, alla fine di Indian Wells, maiorchino contese con una costola fratturata e riuscì comunque ad allungare le vene fino al spezza legame. I due si incontreranno nuovamente mercoledì al Centre Court.

“Ha avuto un grande anno e ha vinto il suo primo Masters 1000, contro di me per l’esattezza. Era molto completo, ha avuto un’ottima prima di servizio. È arrivato giovanissimo e poi si è riposato un po’, ma ora ha dato un’altra spinta importante. Ha giocato bene su tutte le superfici. Ma è un grande quarto di finale, cosa possiamo aspettarci?”, ha commentato prima di partire senza dimenticare di citare l’emozionante gesto di domenica in cui una sfilata di personaggi, tra cui lui stesso, ha commemorato il centenario della corte centrale: “E’ stato un onore , era un posto molto, molto speciale.”

Configurando la prima ala dei quarti, invece martedì affronteranno Novak Djokovic contro Jannik Sinner (14:30, Movistar Deportes) e Cameron Norrie contro David Goffin.

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook voi Twitteroppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.