Spaventa, urla e corri: tutti i video del brutale incidente di Guanyu Zhou in Formula 1

Impressionante caduta di Guanyu Zhou e ribaltamento dagli spalti. Tre video caricati dai fan. Fai attenzione a dove e come si trova l’Alfa Romeo e alle complicazioni per rimuovere il pilota cinese

Esso gran premio di Formula 1 britannica È stata la migliore gara della stagione in quanto aveva diverse alternative e ha lottato per il primo posto con quattro leader. Ma la competizione all’Autodromo di Silverstone è stata segnata in partenza da Il terribile incidente di Guanyu Zhou capovolto e percorre 200 metri a testa in giù con la sua Alfa Romeo tra asfalto e letto di leca. Dopo il GP, sui social sono circolati video con immagini sconvolgenti prese dagli spalti dai fan e che mostravano che il 23enne pilota cinese era rinato.

Urla, stupore, paura, corride si sono raccolte nella testimonianza dove lo shock degli asiatici si è notato con maggiore rapidità. Nel primo video puoi vedere dove e come è finito il suo veicolo e perché i paramedici hanno impiegato così tanto tempo per soccorrerlo, poiché è stato lasciato tra il guardrail e la recinzione. Laggiù osservato Giorgio Russel (Mercedes), che lo ha toccato accidentalmente all’inizio. Il pilota britannico si avvicinò per cercare di aiutare il suo compagno.

Il secondo taglio mostra come uno degli spettatori scappa per evitare che parte dell’auto finisca sugli spalti, ma la recinzione adempie alla sua funzione e carica l’auto, nonostante la posizione cospicua del veicolo abbandonato. . Se avesse preso fuoco, forse Zhou non glielo avrebbe detto a causa del ritardo nel farlo scendere dall’auto.

Nella terza parte senti “Oh mio Dio” e come suona il motore dopo l’incidente. Una volta intrappolati, scacciano e gli agenti di sicurezza vengono a salvare i cinesi.

Il post di Alex Albon, lasciato sotto controllo (@alex_albon)

Il meccanismo dell’incidente ha coinvolto quattro auto e tre di esse sono state abbandonate. Arrivato alla prima curva Russell chiude per evitare di essere sorpassato Pierre Gasley (Alpha Tauri), che sfiora l’Inghilterra, che a sua volta va a sbattere contro Zhou. Dietro di loro, Albon ha staccato il piede dall’acceleratore sorpreso ed è stato toccato Sebastian Vettel (Aston Martin), ma fuori anche la thailandese. Zhou ha fatto girare la macchina e le foto hanno fatto oscillare il cuore di tutti. La gara è stata neutralizzata fino a quando non sono riusciti a salvare la Cina.

Sotto controllo c’è Albon, che sul suo social network è felice che Zhou stia bene. “Va tutto bene, gli animali domestici stanno bene”, ha scherzato. “Ma soprattutto, Sono contento che Guanyu Zhou stia bene. Grazie allo staff medico e per tutti i messaggi. Occhi già puntati sull’Austria”, ha scritto il thailandese.

Mentre Russell ha pubblicato: “Prima di tutto, la cosa più importante è che Zhou stia bene. È stato un incidente spaventoso e tutto il merito ai paramedici e al team medico per la loro rapida risposta. Ovviamente non vedo l’ora di finire una gara come questa e mi dispiace per la squadra e per i tifosi. Saluti a LH (Lewis Hamilton) dal box”.

@George Russell63
@George Russell63

Zhou ha scritto domenica ringraziando Halo per averlo salvato e nelle prime attività con lui Formula 2 C’è già un altro pilota che può capirlo ed è un israeliano Roy Nisanyche è stato picchiato da un norvegese Dennis Haugerche in realtà era innocente dell’incidente e anche Nissany è stato punito dall’assistente di volo, perché stava guidando su uno dei prolungamenti della pista, è tornato in pista e ha causato un contatto con Hauger, che ha perso il controllo e la sua macchina, calpestando la piccola pianoforti, fungeva da trampolino e cadeva su quello di Nissany.

All’inizio opposto, Halo ha persino fatto tendenza sulla rete a causa dei meme contro di esso. Ma il “bulbo oculare” che ha suscitato disapprovazione ed è diventato il centro dello scherzo è diventato la misura di sicurezza più importante negli ultimi quattro anni negli sport motoristici di tutto il mondo ed è entrato in uso in Argentina in questa stagione. Nel mondo della F1 e delle sue categorie minori, questo elemento preventivo ha salvato sette vite.

La International Automotive Federation (FIA) si è posta per diversi anni l’obiettivo di essere il capo della guardia per i piloti delle vetture di Formula. I progressi per realizzarlo stanno avanzando a causa dell’incidente ricordato Giulio Bianchila cui Marussia è stata gettata in un carro attrezzi da cui si stava spostando la Sauber Adrian Liscio. L’incidente è avvenuto nel 2014 in Giappone e Bianchi è morto l’anno successivo dopo aver trascorso nove mesi in coma per le ferite riportate. L’incidente ha cambiato la storia e ha accelerato i tempi per l’arrivo di Halo.

Memorabile l’incidente in Formula 2 a Silverstone dove Halo salva ancora una volta un pilota, in questo caso Roy Nissany

Ci sono alternative e una di queste è una copertura in stile jet da combattimento chiamata “aeroscreen”, proposta dagli ingegneri argentini Enrico Scalabroni. Ma la FIA ha finalmente adottato l’Halo e sin dal suo inizio quattro anni fa è stata la chiave per mantenere l’integrità dei concorrenti, soprattutto quando un’auto passa o finisce sopra un’altra.

L’Halo è realizzata in titanio ed è una barra in grado di resistere a urti pesanti e oggetti di grandi dimensioni, come ruote, barriere protettive, e resiste fino a 12 tonnellate. Anche se qualcosa è fallito nell’incidente di Zhou, vale a dire la parte superiore situata dietro il pilota, che non ha potuto resistere all’impatto e si è rotta. Questo è qualcosa che la FIA dovrebbe analizzare.

Dalla sua attuazione, sebbene all’inizio fosse difficile da vedere per i piloti, sono stati loro ad adattarsi agli elementi. Uno degli incidenti più memorabili in F1 è stato in Belgio nel 2018, quando l’auto di Fernando Alonso è stata colpita e sparata sulla Sauber di Charles Leclerc.

Finisce così Guanyu Zhou, tra il guardrail e la recinzione (@victorabadf1)
Finisce così Guanyu Zhou, tra il guardrail e la recinzione (@victorabadf1)

Un altro incidente potente quell’anno che ancora una volta salvò delle vite Marco Ericson a Monza, durante le prove libere del venerdì il DRS si è guastato alla Sauber Sweden, che ha avuto uno spettacolare incidente con il volo e il ribaltamento inseriti nella zona più veloce del mitico autodromo italiano.

Aggiunto al terribile incidente Romain Grosjean in Bahrain 2020, dove il francese Haas è stato incastrato in un guardrail prima di essere brutalmente bruciato; Fortunatamente il pilota è riuscito ad uscire con le proprie gambe dopo alcuni minuti di sofferenza tra le fiamme.

L’ultima volta che ha ricoperto il suo ruolo di nuovo è stato a Monza, ma l’anno scorso, dove è testa a testa Lewis Hamilton evitato la tragedia grazie alla presenza di Halo nel loro incidente, dove Max Verstappen è finito con la sua Red Bull su una Mercedes.

Dalla loro prima gara il 13 maggio 1950 presso lo stesso Autodromo di Silverstone, furono un totale 44 piloti uccisi in vari eventi di F1. Ci sono alcuni progressi nelle misure di sicurezza e Halo si distingue come uno dei più importanti per la vita che ha salvato in sole cinque stagioni.

CONTINUA A LEGGERE

Rapporto speciale: gli studenti Fangio e Stewart, l’infausto presagio di Senna e altre 41 storie di tutti coloro che sono stati uccisi in Formula 1
Carlos Sainz ottiene la sua prima vittoria in Formula 1 in Gran Bretagna nella migliore gara dell’anno
Incidente scioccante all’inizio della Formula 1: il cinese Guanyu Zhou ha un pericoloso ribaltamento
Si allena in Ferrari e arriva in Formula 1 con 35 milioni di dollari: la storia di Guanyu Zhou, protagonista del terribile incidente di Silverstone
La settimana nera di Verstappen al GP di Formula 1 britannico: da una perdita di uno dei suoi pneumatici a un guasto alla sua Red Bull
Chi è Carlos Sainz, il pilota che lo ha battuto all’ombra del padre e ha ottenuto la sua prima vittoria in Formula 1

Aroldo Ferrari

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.